7 dicembre 2016

EuroBasket 2015. Italia-Islanda 71-64

Pronto riscatto per l’Italia, che batte l’Islanda col punteggio di 71-64 nella seconda gara dell’EuroBasket 2015. La squadra di coach Pianigiani è più forte delle difficoltà che si presentano sul cammino come l’infortunio a Datome (da valutare l’entità del risentimento all’adduttore) o i cinque falli che nel finale mettono fuori gioco Gallinari e Melli.
Miglior marcatore Azzurro Alessandro Gentile con 21 punti.
Domani il gruppo B osserverà un turno di riposo. L’Italia tornerà in campo martedì 8 settembre contro la Spagna (ore 21.00).

“Oggi bisognava correre come matti – ha commentato il CT Simone Pianigiani – e di sicuro ci manca l’abitudine a questo tipo di sforzo. Ai miei giocatori posso rimproverare poco stasera perché hanno disputato una partita seria rimanendo sempre insieme in mezzo alle difficoltà e provando a combattere in ogni momento del gioco. L’Islanda gioca un basket inusuale, che ti costringe a stare basso sulle gambe per 40 minuti. Siamo alla seconda partita in meno di 24 ore ed è normale che le percentuali, con la fatica, scendano. Ora ci aspettano tre gare consecutive contro le tre squadre più forti del girone”.

LA CRONACA. Non ci sono partite facili all’EuroBasket. Né avversari abbordabili. Lo dimostra l’Islanda, per la prima volta nella storia sulla strada degli Azzurri. La formazione di coach Pedersen, guidata in campo da Jon Stefansson (Roma, Napoli, Treviso) corre da matti e ha nel tiro da dietro l’arco l’arma migliore. Nel solo primo quarto, 15 dei 21 punti messi a segno sono triple (56%). L’Italia ha molte più frecce al proprio arco e chiude in vantaggio, seppure di una sola lunghezza, la prima frazione (22-21). Nel secondo quarto l’Islanda non cala i ritmi e nemmeno le percentuali dal tiro da tre: al 17esimo le due triple di Palsson fanno malissimo e aprono un parziale di 8-0 (31-37). La reazione Azzurra però è immediata e porta la firma di Alessandro Gentile, che con 7 punti propizia il vantaggio con cui l’Italia chiude il primo tempo (41-37). Da registrare, prima della sirena lunga, il risentimento all’adduttore sinistro che fa chiudere anzitempo la partita di Gigi Datome. A cavallo tra il secondo e il terzo quarto l’Italia prova a scappare (14-0, 45-37) ma l’Islanda tiene botta, rientra e sorpassa (45-46 al 26esimo). Si viaggia punto a punto fino al 32esimo, minuto in cui Daniel Hackett mette insieme 5 punti e fa schizzare gli Azzurri sul 57-52. Da li in poi arrivano due batoste per l’Italia: il quinto fallo fischiato a Gallinari e il break di 8-0 che porta l’Islanda in vantaggio (59-62). Rimettiamo il naso avanti (67-62) capitalizzando tre falli islandesi su Belinelli (3/3 dalla lunetta) e Aradori (canestro più tre liberi). E’ l’affondo che piega la resistenza islandese. Vince l’Italia 71-64. Un successo sofferto e ottenuto con una prestazione di squadra. Risposta convincente dopo la sconfitta contro la Turchia.

Il tabellino

Italia-Islanda 71-64 (22-21, 19-16, 11-11, 19-16)
Italia: Della Valle ne, Belinelli 12 (2/10, 0/3), Aradori 5 (1/2), Gentile 21 (5/12, 2/4), Gallinari 4 (2/4), Bargnani 5 (1/5), Cusin 6 (2/2), Datome 7 (3/5, 0/3), Melli 2 (1/2), Cinciarini 4 (2/5, 0/2), Hackett 5 (1/3, 1/2), Polonara. All: Pianigiani
Islanda: Hermannsson 4 (1/1, 0/1), Karason, Nathanaelsson, Sigurdason 7 (1/2, 1/3), Baeringsson 14 (2/4, 2/4), Stefansson 11 (3/10, 1/6), Magnusson (0/1, 0/1), Vihjalmsson 5 (1/5, 1/2), Gunnarsson 4 (2/3), Ermolinskij 2 (0/1, 0/2), Palsson 17 (2/6, 4/8), Steinarsson. All: Pedersen

Arbitri: Christodoulou (Gre), Zashchuk (Ucr), Mitrovski (Mac)

Tiri da due Ita 18/43, Isl 12/33; Tiri da tre Ita 5/18, Isl 9/27. Tiri liberi Ita 20/23, Isl 13/19. Rimbalzi Ita 45, Isl 32. Assist Ita 13, Isl 15.
Cinque falli: Gallinari, Melli
Note: Antisportivo a Ermolinskij (39-37)

Tutti i tabellini del gruppo B

Serbia-Germania 68-66 (19-18, 20-20, 11-10, 18-18)
Serbia: Teodosic 8, Simonovic 5, Kuzmic 4, Bogdanovic 9, Bjelica 12, Markovic 2, Kalinic 6, Nedovic 6, Milosavljevic ne, Raduljica 7, Erceg 9, Milutinov. All: Djordjevic
Germania: Lo, Giffey 3, King, Schaffartzik 11, Tadda, Pleiss 15, Benzing ne, Nowitzki 15, Schroder 11, Zipser 2, Gavel 4, Voigtmann 5. All: Fleming

Germania-Islanda 71-65 (24-14, 21-12, 18-17, 12-22)
Germania: Lo, Giffey 6, King 6, Schaffartzik, Tadda, Pleiss 4, Benzing 6, Nowitzki 15, Schroder 15, Zipser 6, Gavel 7, Voigtmann 6. All: Fleming
Islanda: Hermannsson 3, Karason, Nathanaelsson, Sigurdason 2, Baeringsson 12, Stefansson 23, Magnusson, Vihjalmsson 11, Gunnarsson 2, Ermolinskij, Palsson 12, Steinarsson. All: Pedersen

Spagna-Serbia 70-80 (21-11, 15-23, 16-28, 18-18)
Spagna: Gasol 16, Fernandez 10, Rodriguez 2, Hernangomez 2, Ribas 11, Reyes 13, Claver, San Emeterio, Llull 6, Aguilar ne, Mirotic 10, Vives. All: Scariolo
Serbia: Teodosic 12, Simonovic, Kuzmic, Bogdanovic 8, Bjelica 24, Markovic 5, Kalinic 4, Nedovic 14, Milosavljevic 2, Raduljica 4, Erceg 7, Milutinov ne. All: Djordjevic

Italia-Turchia 87-89 (13-26, 29-25, 19-15, 26-23)
Italia: Della Valle ne, Belinelli 14 (2/3, 2/8), Aradori, Gentile 12 (4/9, 1/3), Gallinari 33 (8/8, 1/2), Bargnani 12 (3/6, 2/2), Cusin 2 (1/1), Datome 7 (2/3, 1/2), Melli 2 (1/1, 0/1), Cinciarini, Hackett 5 (1/3, 1/2), Polonara ne. All: Pianigiani
Turchia: Özmizrak ne, Güler 9 (4/6, 0/4), Osman 12 (3/8, 2/3), Hersek ne, Ilyasova 17 (3/5, 2/2), Erden 22 (8/12), Mahmutoglu 8 (1/2, 2/6), Savas ne, Korkmaz ne, Muhammed 17 (2/15, 2/5), Köksal (0/2), Aldemir 4 (2/2). All: Ataman

La classifica

Serbia 2/0
Germania 1/1
Italia 1/1
Turchia 1/0*
Spagna 0/1*
Islanda 0/2

*una gara in meno

Il calendario del gruppo B

5 settembre
Germania-Islanda 71-65
Spagna-Serbia 70-80
Italia-Turchia 87-89

6 settembre
Serbia-Germania 68-66
Italia-Islanda 71-64
Turchia-Spagna (ore 21.00)

7 settembre
Giorno di riposo

8 settembre
Serbia-Islanda (ore 14.30)
Germania-Turchia (17.45)
Italia-Spagna (ore 21.00)

9 settembre
Turchia-Serbia (14.30)
Italia-Germania (17.45)
Islanda-Spagna (21.00)

10 settembre
Serbia-Italia (ore 14.30)
Germania-Spagna (ore 17.45)
Turchia-Islanda (ore 21.00)

Ufficio Stampa Fip

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.