8 dicembre 2016

De Magistris: “Non ci sarà il termovalorizzatore a Napoli Est, la Regione finalmente ci ha dato ragione”

ansa - luigi de magistris - Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris durante l'incontro al teatro San Carlo di Napoli, con i maestri di scuola a margine del quale e' intrventuto sull'emergenza rifiuti, oggi 27 giugno 2011 a Napoli. ''Non ho intenzione di fare ping pong delle responsabilita''. Il sindaco de Magistris, taglia corto e sottolinea di non essere interessato a fare polemica con il governatore della Campania, Stefano Caldoro. ''Stare a far ping pong tra istituzioni ai cittadini non interessa - ha affermato - Caldoro fa bene a esprimere il suo pensiero, ma io non ho intenzione di fare polemica con lui''. ANSA / CIRO FUSCO

Non ci sarà il termovalorizzatore a Napoli Est, la Regione finalmente ci ha dato ragione. E’ tramontata definitivamente l’ipotesi, da noi sempre avversata, di realizzare un inceneritore a Napoli. Oggi aggiungo nella città metropolitana di Napoli (ex Provincia). La Regione Campania ha deciso, infatti, di restituire l’area di Napoli est, in cui si doveva realizzare l’impianto, al Comune. Ritengo che questa notizia rappresenti uno straordinario successo per l’amministrazione comunale che per anni ha chiesto invano al presidente Caldoro la restituzione dell’area che, prima Bassolino e poi Caldoro, avevano individuato nella zona di San Giovanni a Teduccio per la costruzione dell’inceneritore. Il partito della spesa pubblica e del saccheggio del territorio Caldoro/Bassolino voleva continuare ad avvelenare e inquinare le nostre terre. Non sono passati. Grazie ai napoletani e ai movimenti di lotta sui territori. E’ importante che quell’area venga restituita alla città. Con la Regione si lavora per il consolidamento e il rafforzamento dell’impiantistica alternativa all’incenerimento. In particolare si punterà al miglior funzionamento degli Stir, ma anche alla progettazione e realizzazione di impianti di compostaggio, nonché al rafforzamento della raccolta differenziata dove si potranno ottenere quei finanziamenti che Caldoro non ha mai previsto perché puntava tutto su discariche e inceneritori. La strada è ancora lunga per avere quell’igiene urbana ottima che vogliamo e che realizzeremo. Ma da quando sono Sindaco, senza soldi, contro il SISTEMA, con determinazione, abbiamo eliminato le camorre, chiuso le discariche – in primo luogo Chiaiano -, impedito nuove discariche a Marano, Mugnano e Quarto, mandato in fumo definitivamente la realizzazione di inceneritori nella città metropolitana di Napoli. La strada e’ quella giusta. Indietro non si torna fino a quando sarò Sindaco della nostra Terra. Contro il Sistema criminale, contro le mafie dei rifiuti!
Così il primo cittadino sulla sua pagina Facebook

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.