7 dicembre 2016

Prosegue con successo il percorso del “Progetto Giovani” di AG Motorsport Italia supportato da Yamaha

Nel 2013 Yamaha e AG Motorsport Italia hanno dato vita al “Progetto Giovani”, un’importante iniziativa volta ad accompagnare gradualmente il delicato passaggio dei talenti più piccoli protagonisti del trofeo R125 Cup alle classi superiori. Ai piloti messisi in luce nell’ambito monomarca tre diapason, che si corre con l’ottavo di litro da 19 cv, viene ogni anno data infatti la possibilità di essere seguiti e formati didatticamente in preparazione ai trofei su YZF-R6 da 120 cv, esordendo nei grandi circuiti nazionali.

L’impegno e la produttiva collaborazione tra Yamaha e AG Motorsport Italia per questo programma va oltre la pura competizione agonistica: lo spirito del progetto, come accade sin dalla R125 Cup, si rivolge infatti soprattutto alla costruzione di un profilo sportivo e disciplinare dei ragazzi, in una simbiosi che lega la passione di andare in pista in sella ad una due ruote di Iwata, apprendendo al tempo stesso, e per raggiungere i propri obbiettivi, fondamentali nozioni tecniche e tattiche di guida, un’educazione comportamentale, di responsabilità e rispetto verso strutture, regolamenti e avversari grazie all’esperienza degli istruttori della scuola di guida sportiva AG Motorsport Italia, realtà che organizza da anni la R125 Cup con il supporto di Yamaha.

In un solo anno e mezzo l’ambizioso progetto è riuscito già a portare ottimi risultati sia dal punto di vista agonistico, ma soprattutto legati allo sviluppo, crescita e formazione di giovani piloti come Alessio Terziani e Nicolò Capelli che, in sella alla Yamaha YZF-R6 dello Junior Team AG, hanno conquistato pochi giorni fa i rispettivi titoli nel trofeo Italiano Amatori della Coppa Italia FMI 2015 riuscendo a superare, nella combattutissima classe 600, avversari spesso più grandi e in alcune occasioni con parecchia più esperienza in pista.

Nella Coppa Italia FMI, il trofeo Italiano Amatori è formato da quattro categorie che dividono i piloti in base ai tempi e ai risultati (Base 1 come classe di partenza, poi a seguire Base 2, Avanzato 1 e Avanzato 2, il livello più veloce in assoluto) in modo da permettere la loro crescita in condizioni progressive. In questo modo l’esordio nelle gare e la formazione percorrono una strada parallela che permette di facilitare l’entrata in contesti come il CIV – Campionato Italiano Velocità o altri campionati ancora più importanti, avendo una preparazione ed una esperienza adeguata.

Al Mugello, sede del penultimo round stagionale, Terziani e Capelli hanno raggiunto l’obiettivo massimo addirittura con una gara d’anticipo, consolidando gli sforzi di un anno d’intenso lavoro che li ha visti giorno dopo giorno applicare in pista metodi e nozioni tecnico-tattiche imparate durante la formazione teorica e pratica. Terziani, lo scorso anno già campione della categoria Base, ha aggiornato il suo palmares di vittorie conquistando il titolo 2015 nella classe 600 del livello Avanzato 2, mentre Capelli, all’esordio, ha vinto al primo colpo la categoria Base 2.

TERZIANI: “Facendo parte di questa scuola ho potuto assimilare le tecniche di guida e le tattiche di gara migliori grazie alla dedizione con cui sono stato seguito insieme ai miei compagni di team dai nostri istruttori, impegno ripagato in questi due anni di trofeo con la vittoria in entrambe le classi in cui ho gareggiato. Sono partito dall’ottavo di litro, un’ottima moto per imparare, nel trofeo R125 Cup che unisce insegnamento e divertimento, poi sono approdato alla R6 dello Junior Team AG al quale sono veramente grato per il lavoro svolto e per i risultati ottenuti insieme.”

CAPELLI: “Non mi aspettavo di ottenere questi risultati subito al primo anno, perché non avevo mai messo piede in tracciati così importanti, ma vincere era il mio obiettivo per dimostrare il mio potenziale e di meritarmi il posto nel team per continuare a far parte del “Progetto Giovani”. Devo dire grazie alla R125 che mi ha fatto innamorare di questo sport e con la quale ho girato oltre 80.000 km. La chiave per vincere è stata la mia forza di volontà e il bisogno di sfogare la velocità che ho dentro di me. AG Motorsport Italia è stata fondamentale per mettermi nelle condizioni mentali migliori per dare il massimo insegnandomi la differenza tra guidare e saper guidare.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.