11 dicembre 2016

Bracciano – Approvato il bilancio di previsione 2015

 

Via libera del Consiglio comunale di Bracciano al bilancio di previsione 2015. La seduta di ieri in apertura ha visto l’atteso intervento del sindaco di Bracciano Giuliano Sala che si riporta integralmente in calce. Il bilancio è stato illustrato dal vicesindaco Gianpiero Nardelli. Tra le novità del provvedimento il carattere “autorizzativo” del bilancio, la prevista introduzione per l’annualità 2016 di una tassa di soggiorno. A corredo del bilancio è stato approvato inoltre il programma triennale delle opere pubbliche sul quale ha relazionato l’assessore ai lavori pubblici Rinaldo Borzetti. I maggiori interventi riguardano la realizzazione di nuovi loculi cimiteriali, prevista inoltre per il 2016 la sistemazione del parcheggio di via Cattaneo e del ponte pedonale per il centro storico. Borzetti ha inoltre relazionato sui lavori dell’asilo nido comunale in via di ultimazione in località Santo Celso parlando di una “struttura all’avanguardia”, del nuovo centro civico comunale per il quale sta per essere approvato un bando per l’assegnazione. In risposta ad una richiesta di chiarimento dell’opposizione, Borzetti ha sottolineato inoltre che per il canile comunale si dovrà procedere allo sfratto dell’attuale occupante. Riguardo al bilancio si riporta integralmente di seguito la nota del gruppo “Bracciano è Tua” a firma di Alfredo Massi e Luca Testini.

In chiusura è stata data la comunicazione circa le dimissioni da assessore di Mauro Negretti “per motivi personali”, circa l’assegnazione della delega alle Politiche per la scuola e l’Infanzia al vicesindaco Nardelli, e del mantenimento ad interim delle deleghe già assegnate a Negretti quali Sanità, Urbanistica e Centro Storico e Partecipazione da parte del sindaco in vista di una imminente assegnazione. Al riguardo infatti il sindaco ha sottolineato che la legge 56/2014 “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni”, stabilisce che “Nelle giunte dei comuni con popolazione superiore a 3.000 abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento…” e che, in mancanza, è possibile il ricorso a nomine di assessori donna esterni da individuare in base a date procedure che eventualmente coinvolgano anche la “società civile”.