Rifiuti, De Luca: non abbiamo bisogno del termovalorizzatore

“Non abbiamo bisogno di un impianto di termovalorizzazione. In particolare, lo Stir (Stabilimento di Tritovagliatura ed Imballaggio Rifiuti) di Giugliano sarà utilizzato soltanto per lo smaltimento delle ecoballe”. Così Vincenzo De Luca, oggi nel corso di una conferenza dedicata alle azioni a tutela della sitauzione ambientale in Campania.

“Con gli studi effettuati abbiamo compreso che riusciremo a recuperare il 35% di riciclabile dal loro contenuto” ha spiegato il governatore. La risoluzione dell’annosa emergenza e l’ottimizzazione della gestione del ciclo passa per un aumento di dieci punti della raccolta differenziata e 3 o 4 impianti di compostaggio per l’umido. L’applicazione del ‘modello Salerno’ su scala regionale.

“La soluzione presentata al Governo – ha chiarito De Luca – si poggia su tre capitoli di intervento. Per un terzo i rifiuti saranno trasportati fuori regione. Per un altro terzo prevediamo il potenziamento dell’impianto Stir di Tufino e Giugliano dedicando la nuova tritovagliatura solo alla lavorazione delle ecoballe. Infine, l’ultimo terzo degli interventi, il potenziamento dell’impianto Stir di Caivano”.

“Collegheremo una parte degli inerti per fare operazioni di riqualificazione morfologica. Tutto sarà controllato – dice il presidente – da un comitato civico di sorveglianza democratico, con Legambiente, i comuni interessati e con i soggetti che in questi anni hanno tenuta alta la guardia sul tema per avere controlli dentro gli Stir ed in tutte le operazioni”.

De Luca ha poi fatto riferimento alla somma necessaria per lo smaltimenti delle ecoballe campane. Per avviare la rimozione delle ecoballe in Campania occorrono 600 milioni. Pertanto, da Santa Lucia è stato richiesto l’intervento del Governo. “Ho già sentito Renzi anche per definire un Master Plan per il Sud. La Campania in tre anni non avrá più ecoballe e guarderà a un processo davvero integrato e sostenibile”.

Fonte: agenzia dire

loading...
loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8046 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.