20 gennaio 2017

Vittorio Sgarbi: “Denunciate per procurato allarme chi parla di Mafia a Roma”

“Basta parlare di mafia a Roma. La mafia a Roma non esiste. Non è possibile che Pignatone, solo perché ha combattuto la mafia nella sua carriera da magistrato, ora veda la mafia ovunque. Sono le istituzioni che sputtanano il nostro paese, non la mafia. Salvini e Berlusconi? Mi appoggino nella mia candidatura a sindaco di Bologna”.

Vittorio Sgarbi è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. Diverse le tematiche trattate dal critico d’arte, che ha commentato la situazione vissuta dalla Capitale.

“Roma è un caso di patologia politica. La mafia non c’è e hanno sputtanato anche Roma davanti al mondo inventando che la corruzione si chiama mafia. La corruzione non può diventare mafia solo perché è arrivato il signor Pignatone che vede la mafia dappertutto. Basta che passa un passero e lo fanno passare per una bomba atomica. Questa è gente che viene pagata dallo stato per fare cose senza senso. E anche Gabrielli, che è mio amico, sbaglia ad appecoronarsi ad Alfano. L’Italia viene sputtanata non dai delinquenti, ma dalle istituzioni. Marino ha fatto bene a non tornare dalle ferie, anche se è un fessacchiotto”.

Sgarbi è durissimo con Pignatone: “Ma chi è questo Pignatone? E’ uno che si inventa la mafia a Roma perché se ne è occupato a Palermo o in Calabria. Pignatone si occupi della mafia dove c’è. E moltissima è nel mondo della magistratura. Questa è un’Italia in cui le speranze di bellezza e di civiltà vengono occultate dalla volontà di buttare merda sull’Italia stessa. La mafia nella magistratura? C’è eccome, indaghino. La mafia è un potere che sovrasta altri poteri. L’unico potere che intimorisce il potere dello Stato è la magistratura, tanto è vero che ha fatto la sua fortuna con l’antimafia. L’antimafia negli ultimi venti anni è stata utilizzata per far diventare eroi personaggi che non lo sono. Comunque a Roma la mafia non esiste. Chi parla di mafia a Roma andrebbe denunciato per procurato allarme”.

Sgarbi ha confermato poi la sua candidatura a sindaco di Bologna, auspicando di essere appoggiato dal nuovo asse Berlusconi-Salvini: “La nuova alleanza Salvini-Berlusconi? Il primo ha capito di aver bisogno del secondo. Berlusconi ha quel 7-8% dei voti legato al suo nome, che corrisponde ad un elettorato che non è leghista. Salvini ha pensato che può essere candidato premier avendo l’appoggio dei moderati che non votano leghisti. La prima cosa che Salvini e Berlusconi possono fare è mettersi d’accordo sulla mia candidatura a sindaco di Bologna, così finalmente qualcuno saprà che Bologna esiste, visto che è una delle prime città d’Italia. Io sono stato candidato con delle liste civiche, non voglio essere indicato da un partito, ma una colazione facente capo a Salvini e Berlusconi potrebbe fare una cosa intelligente appoggiandomi come candidato sindaco. Bologna è bellissima e nessuno la vede, nessuno la conosce. E’ pazzesco”.