3 dicembre 2016

Calcio – Rudi Garcia: “Contro la Juve voglio vedere un ritmo più alto”

Per Rudi Garcia il segreto per affrontare al meglio la Juventus nella sfida di domani è giocare sin dal primo minuto ad un ritmo alto, come avvenuto solo dopo aver subito il gol dello svantaggio a Verona nella prima giornata di campionato.

Il tecnico, nella consueta conferenza stampa alla vigilia della sfida contro la Juventus, si è soffermato anche sull’inserimento dei nuovi acquisti e sulla nuova Juventus, squadra che nonostante i cambiamenti, resta di altissimo livello.

Ecco tutte le parole del tecnico.

Quanto influisce giocare le prime due giornate con il mercato ancora aperto?
“Non deve influire nella testa dei calciatori. Dobbiamo essere concentrati sulla partita di domani. Io faccio in modo di puntare sui giocatori che ho nella rosa. Con i giocatori sono arrivati da poco abbiamo cercato di sfruttare al meglio il poco tempo che abbiamo avuto per lavorare con la squadra”.

Cosa non le è piaciuto della partita Verona che non vorrebbe rivedere domani?
“Voglio vedere un ritmo più alto. Domani dobbiamo iniziare come se fossimo in svantaggio e giocare subito per vincere: a Verona lo abbiamo fatto solo dopo aver preso il gol. Prima non era stato tutto da buttare ma il ritmo doveva essere più alto”.

La Roma ha cambiato tanto, ma i bianconeri hanno fatto lo stesso: che idea si è fatto della nuova Juventus?
“Sono arrivati Mandzukic, Zaza, Dybala, Khedira, Alex Sandro e dimentico sicuramente qualcuno. La squadra che ha vinto gli ultimi 4 scudetti è sicuramente di alto livello. A inizio stagione nessuna squadra è al massimo, ma noi abbiamo fatto in modo di avvicinarci al 100% nell‘ultima settimana. Sarà una gara di alto livello, una di quelle che ci piace giocare anche se è un po’ particolare che arrivi alla seconda giornata. Dobbiamo sfruttare il fatto di giocarla in casa, davanti ai nostri tifosi”.

Ha dei dubbi sulla formazione e sul modulo?
“Al 90% ho in testa la formazione, sto aspettando di vedere se Torosidis sarà al 100% nel risveglio muscolare che faremo domani. Se, come penso lo sarà, giocherà lui a sinistra così daremo ancora tempo a Digne di adattarsi nella squadra. Negli altri ruoli lo vedrete domani. Inizieremo con una strategia ma ne avremo anche altre, non solo a livello di modulo, per fare di tutto per prendere i tre punti domani”.

Quali sono le condizioni di De Rossi e Maicon?
“Ho sostituito De Rossi a Verona perché sapevo che non avesse i 90 minuti nelle gambe anche per un problema alla caviglia che si portava dietro da Valencia ma ora sta benissimo. Maicon non è al 100% ma l’infortunio è recuperato. Saranno tutti convocati tranne Strootman e Rüdiger”.

È sorpreso della partenza negativa della Juve? E cosa ne pensa delle critiche ai bianconeri per le cessioni eccellenti?
“Per tutti i club, non solo per la Juventus, ci sarà una stagione intera per rispondere alle critiche: su di loro mi sono già espresso, rimangono una squadra di alto livello, come lo sarà la sfida di domani e dovremo essere al nostro massimo per vincere”.

Sarà possibile vedere Totti e Džeko insieme? E con quale soluzione tattica?
“È semplice: sì possono giocare insieme, se giochiamo con 2 punte o a tre con una difesa più bloccata. Ci teniamo questa soluzione per il corso della stagione”.

Per giocare a ritmi più alti, la trasmissione palla è un aspetto da migliorare?
“Se facciamo riferimento alla partita contro il Siviglia, la squadra ha dimostrato di poter fare un palleggio a ritmo alto. A Verona non c’erano tutte le condizioni ideali, ma se vogliamo giocare su ritmi alti non è sufficiente far girare palla: dobbiamo anche essere più equilibrati, giocare sulla larghezza e sulle verticalizzazioni e abbiamo gli uomini per farlo. Per quanto riguarda i nuovi, come Salah e Džeko, è normale che ci sia bisogno di tempo per inserirsi al meglio e poter sfruttare al massimo le loro altissime qualità”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.