Calcio – Le dichiarazioni di mister Mihajlovic in conferenza stampa

Serbia's head coach Sinisa Mihajlovic looks on during the group A World Cup qualifying soccer match between Croatia and Serbia in Zagreb, Croatia, Friday, March 22, 2013. (AP Photo/Darko Bandic)

“Sono tutti convocabili, mancano partite e allenamenti ma Mario potrebbe servire nel corso della partita. Non si è mai discucco il potenziale tecnico di Balotelli, il suo problema è sempre stato la testa ma ha fatto delle promesse e sono convinto che le manterrà. Il suo impegno morale è verso tutti, io l’ho visto convinto e adesso dovrà mantenere le sue promesse. E’ sempre un bravo ragazzo, sa di aver sbagliato tanto e che questo è l’ultimo treno per lui. Ha potenzialità enormi, penso che ha capito che è arrivato il momento di essere uomo. Kucka unisce quantità e qualità, conosce bene il campionato italiano. Ha la forza fisica e non molla mai. Sa che è una grande occasione per lui e la sfrutterà al massimo. Abbiamo fatto un passo falso a Firenze ma era la trasferta più difficile di tutte. Volevamo vincere ma non ci siamo riusciti. Dobbiamo vincere ora la prima partita a casa nostra. L’Empoli è una squadra organizzata ma dobbiamo vincere. Balotelli giocherà quando sarà pronto e se se lo meriterà. Lasciamolo tranquillo. I primi 35 minuti a Firenze sono stati equilibrati, abbiamo avuto una occasione a testa. Noi abbiamo fatto fatica con la Fiorentina ma al momento è una delle squadre più forti. Mi sarebbe piaciuto vedere la partita 11 contro 11. Abbiamo cambiato un po di giocatori e abbiamo cambiato gioco dall’anno scorso. Essere uno in meno diventa molto difficile. Dobbiamo vincere e convincere”




Ancora l’allenatore del Milan: “Il Presidente è rimasto deluso dalla sconfitta come tutti noi, ma siamo sereni. Cerco sempre di concentrarmi sulla mia squadra, sappiamo di essere forti e di dover migliorare. Domani con Ely squalificato cambieremo qualche giocatore. Mario può giocare anche dietro alle punte, non solo davanti. Kucka è interno. Riccardo è un giocatore importante per noi, si sta allenando con continuità, cercheremo di farlo giocare scegliendo bene il momento. A me piace sempre avere un modulo alternativo al 4-3-1-2. Abbiamo Menez e Niang infortunati al momento, quando li recupereremo avremo un modulo alternativo 4-3-3. E’ importante fare esprimere i giocatori al meglio. Ci siamo rinforzati col mercato ma ci vuole tempo. Abbiamo ancora tanti margini di crescita. In difesa siamo coperti. Penso che il mercato del Milan è finito. Kucka si è preso perchè è un buon giocatore qualità pezzo. Un buon giocatore che si unisce alla nostra rosa, poi starà a lui mettersi in mostra. Honda per ora co questo modulo può giocare dove sta giocando, trequartista. Ha caratteristiche per fare l’interno ma non l’abbiamo ancora provato essendo tanti a centrocampo. E’ un ragazzo generoso che impara subito”.

RICCARDO MONTOLIVO

“In queste due partite le scelte del mister mi hanno un po’ penalizzato ma il bene del singolo va messo da parte per il bene del gruppo. Faccio sempre del mio meglio. L’allenatore mi stima e questo è importante per me. Credo che mi stia comportando come chiunque si debba comportare. Io come altri che non stiamo giocando stiamo cercando di convincere l’allenatore a metterci in campo. La Nazionale è sicuramente un obiettivo nella mia testa ma prima voglio e devo giocare bene nel Milan”.

NIGEL DE JONG

“Abbiamo lavorato duro anche questa settimana, dobbiamo vincere in casa contro l’Empoli, vogliamo i 3 punti. Durante il ritiro abbiamo lavorato tanto e dobbiamo ancora fare tanto quest’anno, abbiamo giocato una bella partita contro il Perugia ma dobbiamo fare lo stesso con tutti. Abbiamo tanti giocatori con esperienza nello spogliatoio, chi ha la fascia in campo è capitano. Speriamo di finire il campionato tra i primi 3, giochiamo sempre partita dopo partita”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8862 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.