4 dicembre 2016

Jobs Act, tra propaganda e bugie…

Due giorni fa pubblicano la tabella sulle attivazioni e le cessazioni dei contratti di lavoro, ma con un pesante errore di calcolo (ovvero oltre 300.000 posti di lavoro in più!) su cui fanno partire la grancassa della propaganda governativa.
Quanto è bello il Jobs Act!
Scopre tutto una giornalista de il manifesto, Marta Fana e il Ministero è costretto a fare marcia indietro, pubblicando i dati corretti, ma non fornendo alcuna spiegazione.
Oltre alla gravità del fatto in sé, su cui ci aspettiamo risposte chiare e assunzione di responsabilità da Poletti, restano i numeri impietosi che una volta di più confermano che il Jobs Act non serve a nulla.
Appena 47 contratti a tempo indeterminato (ma senza articolo 18, ricordiamolo sempre) nel mese di luglio, ovvero solo lo 0,3% di tutti i contratti attivati.
Da gennaio a luglio, il 10% dei contratti sono a tempo indeterminato e l’87,3% a termine.
Cosa è cambiato? Nulla, come i gufi con la vista buona preannunciavano. Di precarietà si continua a crepare.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5933 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.