8 dicembre 2016

Roma – Giubileo, Causi: “Nessun scioglimento e piena collaborazione sull’anno santo”

Con le decisioni di oggi il Consiglio dei Ministri ha sgomberato definitivamente il campo da ogni ipotesi di scioglimento del Comune di Roma, considerati i ben noti fatti giudiziari che hanno coinvolto alcune articolazioni della sua macchina amministrativa. Con i provvedimenti adottati il Governo ha posto così le basi per un forte e vigoroso rilancio dell’azione amministrativa a vantaggio della città di Roma e dell’intero paese di cui Roma è Capitale.

Ciò si concretizza in primo luogo con l’importante pacchetto di provvedimenti amministrativi in materia di realizzazione del piano organico di interventi per il Giubileo straordinario della Misericordia. Grazie a queste decisioni il Comune potrà, pur rimanendo le attività connesse al Giubileo ancorate alla gestione ordinaria e alla compatibilità finanziaria del piano di rientro, accelerare i tempi per l’avvio dei lavori relativi ai cantieri di manutenzione necessari per attrezzare la città all’accoglienza di milioni di visitatori. Vengono previsti inoltre poteri di coordinamento degli enti e delle istituzioni pubbliche coinvolte negli interventi giubilari in capo al prefetto di Roma, e funzioni di monitoraggio e verifica delle procedure di gara in capo all’Anac, in tutto simili su entrambi i versanti a quelli adottati a Milano per Expo 2015.

E’ importante ricordare che questi poteri di monitoraggio sono già in atto all’interno del Comune di Roma non solo per i progetti del Giubileo ma anche per le attività ordinarie di gara, grazie a un accordo fortemente voluto dal Campidoglio e firmato a luglio da Ignazio Marino con l’autorità guidata da Raffaele Cantone. Inoltre, la nomina di Silvia Scozzese alla guida dell’ufficio del commissario straordinario per la gestione del debito storico del Comune è un segnale estremamente positivo, nella direzione da noi sempre auspicata di realizzare un collegamento sempre più stretto fra gestione ordinaria e straordinaria del bilancio del Comune, con l’obiettivo di rendere efficiente l’utilizzo delle masse finanziarie coinvolte e recuperare, come già avvenuto negli ultimi anni e anche di recente col finanziamento di 50 milioni di euro per il Giubileo, gli spazi idonei a generare risorse aggiuntive per gli investimenti a vantaggio della città.

Voglio anche ricordare che, per quanto riguarda l’impegno per la legalità e la lotta alla criminalità organizzata, l’amministrazione guidata da Ignazio Marino fin dal suo insediamento nel 2013 ha sollecitato l’allora Ministro Fabrizio Saccomanni affinché ispettori del Ministero dell’economia verificassero i conti lasciati da chi ci aveva preceduto. Questa verifica ha messo in luce gravi criticità che abbiamo affrontato, per quanto riguarda l’aspetto macrofinanziario, con il piano di rientro, e per quanto riguarda la riorganizzazione interna all’amministrazione, con l’approvazione del Piano di prevenzione della corruzione, strettamente ispirato ai precetti dell’Anac, accompagnato da una generale rotazione dei dirigenti e dall’aumento delle attività di controllo e di accertamento, nonché da nuove norme su trasparenza e codici di comportamento e da una rigorosa stretta sulle pratiche preesistenti in materia di proroga di affidamenti diretti e di lavori in somma urgenza. Per questo stesso motivo questa amministrazione ha sin dall’inizio collaborato con il Procuratore Giuseppe Pignatone, coordinatore dell’inchiesta che ha definitivamente scoperchiato quel ”mondo di mezzo” che aveva, con metodi mafiosi, inquinato l’amministrazione negli anni di Gianni Alemanno: pratiche rispetto alle quali abbiamo determinato una radicale discontinuità.

Al tempo stesso, per quanto riguarda il decimo municipio, dove le infiltrazioni mafiose erano immediatamente apparse più gravi e la situazione più seriamente compromessa, l’amministrazione guidata da Ignazio Marino ha impegnato direttamente, dopo le dimissioni del presidente e del consiglio municipale, l’assessore alla trasparenza e legalità Alfonso Sabella in qualità di delegato del sindaco e ha sostituito tutti i dirigenti. Per tutti questi motivi le decisioni assunte dal Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro Angelino Alfano ci appaiono coerenti e in continuità con l’iniziativa di risanamento già avviata. Lo stesso vale per i funzionari e dirigenti dell’amministrazione coinvolti nelle indagini, i quali sono già stati rimossi dai precedenti incarichi ovvero in alcuni casi sospesi dal servizio.

Per ciò che concerne le funzioni di vigilanza riferite al prefetto di Roma, da svolgere in un contesto di leale collaborazione con gli organi democraticamente eletti dell’amministrazione comunale, nel rilevare che tali poteri sono sostanzialmente analoghi a quelli vigenti nell’ordinamento, la giunta capitolina valuta molto positivamente tale decisione, ricordando come con il prefetto Franco Gabrielli si è da subito stabilita una stretta collaborazione su tutte le questioni riguardanti la città. Con l’occasione, voglio ribadire che il Comune, con la rigorosa attuazione del piano anticorruzione autonomamente approvato a maggio 2015, si è dotato di strumenti di gestione del rischio, di misure di prevenzione della corruzione non limitate a quelle obbligatorie ma estese ad ulteriori interventi, nonché di processi di verifica e di controllo delle attività amministrative e di apparati sanzionatori interni che collocano Roma sulla frontiera più avanzata oggi esistente in Italia sui temi della legalità e della trasparenza.

Con le decisioni assunte oggi dal Governo, che ringraziamo, estendendo il ringraziamento in particolare al Sottosegretario Claudio De Vincenti per il lavoro svolto durante il mese di agosto in stretto coordinamento con il Comune, Roma può affrontare la sfida del Giubileo con la certezza che l’impegno del Comune sarà costantemente supportato dall’esecutivo nazionale. Sapremo così rispondere alle necessità di un appuntamento straordinario, il cui successo non riguarda soltanto Roma, ma l’intero paese.

About Giovanni Soldato 2964 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.