8 dicembre 2016

MotoGP – Silverstone, Lorenzo risponde a Marquez

Botta e risposta tra i due spagnoli nella prima giornata di Silverstone con un sessione a testa. Valentino chiude 10º.

Trentatre millesimi. Questo il gap che divide i due connazionali al termine della prima giornata di prove libere dell’Octo British Grand Prix 2015. I due pretendenti al titolo non si nascondono e, come avevano preannunciato già ieri in conferenza stampa, sono scesi in pista concentrati nel lavoro di setting per la pista inglese, senza per questo tralasciare la prestazione sul giro secco.

Una sessione a testa per Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) e Marc Marquez (Repsol Honda) che, dal turno del mattino a quello pomeridiano si scambiano la vetta della graduatoria dei crono. A fine giornata la combinata arride al maiorchino ma il 22enne di Cervèra è un avversario da non sottovalutare. Tutt’altro. C’è da aspettarsi di tutto dal Campione in carica in questa sua rincorsa.

Il grande “assente” è invece Valentino Rossi. Il pesarese, pur essendosi migliorato nella sessione pomeridiana, non ha saputo fare quello step importante compiuto invece dai suoi diretti rivali in classifica, ritrovandosi scalzato dal buon terzo posto (che ben lasciava sperare) delle FP1 giù in caduta libera fino al 10º posto assoluto di questo venerdì. Il nove- volte iridato avrà molto su cui lavorare domani, soprattutto in qualifica, per non perdere il contatto in gara con i due agguerriti spagnoli.

La prima fila virtuale allora la chiude, per la gioia del pubblico di casa, Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3). Il 24enne di Oxford non solo è il primo dei centauri britannici in graduatoria ma, grazie anche all’incredibile balzo di 1”8 da una sessione all’altra, balza dal settimo al terzo posto assoluto confermandosi (come se non bastasse) anche miglior pilota satellite del lotto.

A 42 millesimi dall’inglese, con una progressione in quasi fotocopia rispetto al mattino, Dani Pedrosa (Repsol Honda) si riaffaccia nelle alte sfere. Il veterano di Sabadell può giocare infatti un ruolo importante in questo finale di stagione, dando una mano significativa al suo compagno di squadra nella difesa del suo titolo.

Le GP15 di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone (Ducati Team) stringono nella loro morsa i fratelli Aleix Espargarò (SUZUKI ECSTAR) e Pol Espargarò (Monster Yamaha Tech3). Soprattutto il maggior dei due, si è messo in gran spolvero nelle FP2, guadagnando ben 7 posizioni rispetto alla prima uscita mattutina. Gran rammarico invece per l’abruzzese, scivolato (fortunatamente senza conseguenze) alla curva 7 e rilegato pertanto all’8ª posizione.

L’aria di casa sembra aver fatto bene a Scott Redding (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS), recentemente al centro di alcune voci di mercato per la prossima stagione. Fuori dalla Top Ten, con le stesse posizioni in entrambi turni di questa prima giornata, Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) e Maverick Viñales (SUZUKI ECSTAR): presumibilmente domani saranno il ternano e il rookie a sfidarsi a viso aperto nelle Q1.

In 13ª posizione Hector Barberà (Avintia Racing) è il miglior pilota della categoria ‘Open’ dinanzi al diretto rivale, l’australiano Jack Miller (LCR Honda). Il rookie precede a sorpresa il suo team mate Cal Crutchlow, irriconoscibile sul tracciato di casa e attardato di 1”4 dal leader della giornata. In difficoltà anche Yonny Hernandez, circondato dalle Open di Eugene Laverty (Aspar MotoGP Team) e Loris Baz (Forward Racing).

Chiudono appaiate, rispettivamente in 20ª e 21ª posizione, le RS-GP di Stefan Bradl e Alvaro Bautista (Aprilia Racing Gresini). I piloti della casa di Noale hanno preceduto le Honda di Nicky Hayden e Karel Abraham, mentre Alex De Angelis (E-motion IodaRacing) e Claudio Corti chiudono la tabella del venerdì.

La classe regina tornerà in pista domani alle 09:55 locali (le 10:55 italiane) per la terza sessione di Prove Libere; quindi le FP4 di rifinitura che faranno da preludio ai due turni da 15 minuti delle Q1 e delle Q2 (le 14:35 locali, le 15:35 in Italia) che decideranno la griglia di partenza dell’Octo British Grand Prix 2015.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.