10 dicembre 2016

Ladispoli – Ennesimo episodio di danno ambientale e di abusivismo

La recente cronaca porta all’attenzione un’area camper priva dei requisiti igienico-sanitari e priva delle autorizzazioni necessarie allo svolgimento di attività di campeggio. Vari episodi si sono verificati nell’ultimo mese a Ladispoli (RM) che hanno allarmato la cittadinanza riguardo l’ambiente ma non solo: dallo sversamento di liquami nel fosso Sanguinara zona Messico con l’intervento della Flavia Acque, della Polizia Locale e della Guardia Costiera al ritrovamento in spiaggia di alcune carcasse di topi con l’intervento della Guardia Costiera e conseguente pulizia straordinaria, fino al problema rifiuti lasciati per strada per colpa soprattutto di incivili cittadini che non vogliono rispettare la raccolta differenziata di recente estesa a tutta la città.

Ma torniamo alla notizia dell’ordinanza comunale n. 176 del 26/08/2015 con la quale il Sindaco Crescenzo Paliotta ordina lo sgombero dell’area camper (situata in via Roma) e la cessazione dell’attività di campeggio per gravi violazioni. L’ordinanza è stata emessa a seguito di relazione da parte della ASL RMF e a seguito del sopralluogo effettuato da funzionari della locale compagnia della Guardia di Finanza.

Nell’ordinanza si evidenzia l’assenza totale dei requisiti igienico-sanitari per la gestione di attività di campeggio e la mancanza di autorizzazioni per l’allaccio alla pubblica fognatura tanto è vero che si presume lo sversamento degli scarichi sul suolo (e quindi in mare?). In questa struttura risultano 47 piazzole con manufatti non a norma; 12 servizi igienici, 4 docce calde e 8 docce fredde in condizioni igienico-sanitarie pessime; alcuni lavabi con scarico direttamente al suolo; gli impianti elettrici non a norma; assenza di un sistema antincendio. Abbiamo rilevato che negli ultimi 2-3 anni l’area costiera che va da via via Sanremo fino alla Torre Flavia (ricordiamolo : sito naturalistico e Zona di Protezione Speciale) sono nate varie strutture (almeno 10) adibite a campeggio e sosta camper, sono poco visibili dalla strada e dalla spiaggia. Il dubbio se queste strutture avessero i requisiti ci era venuto; ci siamo infatti chiesti se erano dotate di tutte le attrezzature previste dalla legge per lo smaltimento dei rifiuti liquidi e solidi.

Viene naturale chiedersi: Possibile che solo ora ci si accorge di questa situazione? Ci sono altre strutture simili non a norma? Chi deve effettuare i controlli e perché nel passato non sono stati effettuati con la dovuta perizia? Tante domande a cui vorremmo una risposta che magari smentisca, o perlomeno riduca, le nostre preoccupazioni. Auguriamo infatti alla nostra città che questa azione molto significativa per il rispetto della onesta collettività, sia solo il preludio per l’esercizio di una amministrazione sempre più sana e virtuosa e che questo consenta di preservare a tutti i costi il nostro paesaggio e quegli ultimi scampoli di aree libere, terreno, suolo utile per il benessere della città, siti purtroppo appetito continuo di imprenditori che mirano giustamente al loro profitto e non necessariamente a quello auspicato dalla collettività e per essa. I nostri amministratori conoscono questa realtà o sono forse molto impegnati in progetti ed accordi che rischiano di far scomparire alcune (le poche rimaste) zone verdi di Ladispoli che rischiano di essere cementificate?

Salviamo il Paesaggio Litorale Roma Nord

Riceviamo e pubblichiamo

 

About Ruggero Terlizzi 2881 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it