11 dicembre 2016

Eruzioni vulcaniche: con Billy sarà possibile prevederle

Un radar laser- o lidar- che prevede le eruzioni vulcaniche, per poter allertare in tempo la popolazione limitando danni e vittime. Questo apparecchio, ribattezzato ‘Billy’ e realizzato dall’Enea di Frascati, ha la funzione di analizzare i fumi che fuoriescono dai crateri vulcanici, fornendo immagini tridimensionali del pennacchio e la misurazione della quantità di biossido di carbonio presente nei gas: quest’ultima in particolare permette di prevedere il rischio eruzioni. Se svolta con tecniche tradizionali si tratta di un’operazione particolarmente complessa, lenta e anche pericolosa. Billy invece permette di mantenersi fino a 3.000 metri di distanza. La struttura dell’apparecchio è molto semplice: è composto da una serie di specchi che permettono di orientare il fascio laser in qualsiasi punto, così da produrre scansioni simili alle topografie (ossia le misurazioni in scala di una superficie terrestre).

Questa nuova tecnologia è rivoluzionaria, e ha una fondamentale radar laser vulcanifunzione sociale: non a caso è stata realizzata nell’ambito del progetto europeo ‘Bridge’ (Bridging the gap between gas emissions and geophysical observations at active volcanoes) dell’European Research Council, ma la direziona è tutta italiana: il coordinamento è affidato ad Alessandro Aiuppa dell’Università di Palermo, che dichiara: “Una misura del genere non era mai stata realizzata in precedenza. Il radar laser permette di effettuare scansioni con rapidità e continuità molto superiori a quelle ottenute finora: presto potremo installare radar laser fissi per sorvegliare i vulcani“.

Sperimentato per 24 ore consecutive presso il vulcano Stromboli, già aveva dato ottimi risultati nei primi test di ottobre “presso la Solfatara di Pozzuoli, che hanno consentito un’osservazione dei gas a distanza moderata” ha spiegato Luca Fiorani del Laboratorio Diagnostiche e Metrologia del centro Enea di Frascati, ma la distanza e i risultati ottenuti finora sono di gran lunga superiori.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.