5 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Sarri: “Buona la partenza poi siamo calati di intensità”

“Dobbiamo lavorare sulla mentalità e sull’intensità”. Maurizio Sarri analizza la sua prima sconfitta sulla panchina del Napoli contro il Sassuolo.

“Abbiamo avuto un buonissimo approccio alla partita, sembrava potessimo comandare il gioco, poi però siamo calati di intensita e di questo dobbiamo capire i motivi, correggendo l’atteggiamento.

La squadra ha giocato il calcio che voglio io per alcuni tratti, soprattutto in avvio. All’inizio abbiamo segnato ed il divario sembrava evidente in avvio. Poi invece abbiamo perso la partita di mano, il ritmo è calato, non riuscivamo a giocare palla a terra e questo è stato un nostro difetto”

“Ho notato cali di tensione anche nel pre campionato e dobbiamo lavorare tanto su questo aspetto. Nelle letture tattiche facciamo ancora fatica, il Sassuolo invece è una squadra collaudata che ha movimenti e tempi di gioco consolidati e questo si è visto soprattutto quando abbiamo lasciato la palla scoperta”

“Nel secondo tempo ho visto più la fisionomia della squadra mia, ma è ancora poco, dobbiamo migliorare. Sono più contento di perdere come abbiamo giocato nella ripresa che pareggiare per come si è giocato nel primo tempo. Mi spiace per i 5000 tifosi del Napoli che erano qui, ma questo stop ci può stare. Siamo all’inizio e possiamo crescere tanto”.

Sulla sostituzione di Higuain: “Higuain è arrivato il 31 luglio, non ha ancora il ritmo pieno nelle gambe. Si gioca sempre e c’è qualcosa da rivedere nei calendari Fifa. Gonzalo ha giocato fin quando penso avesse energie, perchè al momento non può tenere il ritmo dei 90 minuti non avendo molto allenamento nelle gambe”.

Pepe Reina sposa l’analisi di Sarri: “Non si può dall’inizio fare tutto ciò che vuole l’allenatore, ha ragione il mister. Abbiamo affrontato una squadra che gioca da tempo insieme e può starci andare sotto perchè contro il Sassuolo in casa faticheranno tutti”

“Non penso sia questione di mentalità, la mia lettura è quella di una gara che poteva finire in pareggio perchè nel secondo tempo abbiamo tenuto più noi il campo. Adesso però si deve continuare a lavorare e proseguire a trovare le giuste soluzioni per crescere. Dobbiamo trovare equilibrio e solidità che arriveranno col tempo”

Fonte: sscnapoli.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.