9 dicembre 2016

Roma – Gravemente ferito mentre tenta di assemblare cartucce artigianalmente, arrestato 33enne

Era da poco passata l’una di notte quando, nel silenzio della periferia nord di Roma, un boato ha preannunciato il grave ferimento di P.G., romano di 33 anni. Immediato l’intervento degli agenti della Polizia di Stato.

Dalle prime dichiarazioni del ferito ai poliziotti, è emerso che l’uomo, con regolare licenza di detenzione armi, stesse assemblando delle cartucce tramite un attrezzo costituito da un tubo di ferro. Ascoltato anche il padre del ferito, ha raccontato di aver udito prima l’esplosione provenire dal magazzino adiacente l’attività commerciale di ristorazione che si trova proprio di fronte la sua abitazione e subito dopo, le urla del figlio. Sceso a vedere cosa fosse successo ha trovato il figlio in un lago di sangue che chiedeva aiuto. Immediatamente ha telefonato al 118 che intervenuto poco dopo con l’ambulanza ha provveduto ad accompagnare l’uomo in ospedale.

Durante il sopralluogo effettuato all’interno del locale, i poliziotti hanno riscontrato varie tracce ematiche e la presenza di bossoli vuoti oltre a bottiglie rotte e un barattolo di polvere da sparo per la ricarica di munizionamento da caccia ed un manufatto artigianale composto da spezzone di miccia a lenta combustione di circa 10 cm. immerso all’interno di un bossolo sigillato con colla a caldo. Inoltre, sopra ad uno scaffale, è stato rinvenuto anche un fucile sovrapposto calibro 12, nelle cui canne sono stati rinvenuti dei riduttori artigianali. Questo è stato sequestrato poiché detenuto in luogo diverso da quanto dichiarato in sede di denuncia.

I poliziotti, in una stanza adiacente, hanno rinvenuto anche un altro fucile con la canna modificata per l’innesto di un silenziatore e di un cannocchiale di precisione sequestrato anche questo.

Sul posto sono intervenuti gli artificieri della Questura che oltre a bonificare l’intera area hanno prelevato tutto il materiale esplodente, per la successiva distruzione.

Eseguiti gli opportuni rilievi da parte degli agenti della Polizia Scientifica.

A seguito della perquisizione a casa del ferito, gli agenti della Polizia di Stato hanno sequestrato una pistola con matricola abrasa e con caricatore inserito con dentro 9 cartucce inesplose. Rinvenute e sequestrate anche 23 cartucce di vario calibro e un attrezzo per pressare la polvere da sparo all’interno del bossolo.

Sequestrate amministrativamente a scopo cautelativo in attesa di ulteriori accertamenti, altre 13 armi da fuoco che l’uomo custodiva in cassaforte tra cui 6 carabine, 4 doppiette, un fucile semiautomatico, una pistola Glock calibro 45 ed una monocanna calibro 8.

P.G., al termine degli accertamenti è stato arrestato per violazione della legge sulle armi.

Attualmente ricoverato con una prognosi di 100 giorni è piantonato dalla Polizia di Stato.

About Emanuele Bompadre 8287 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.