8 dicembre 2016

Il campione britannico di rugby Keegan Hirst esempio contro le discriminazioni nello sport

 

LAssociazione nazionale ANDDOS sostiene il “coming out” del campione di rugby, Keegan Hirst, invitandolo a Roma come testimonial sportivo contro le discriminazioni, per aver promosso la campagna di educazione alle differenze. Lo sport può essere un importante messaggero di valori contro l’omofobia : speriamo che gli altri atleti omosessuali possano seguire l’esempio del giocatore britannico. La star inglese ha fatto senza remore un coming out nel mondo del rugby, rompendo un tabù nello sport . La presenza dell’omofobia anche nel mondo sportivo non si è spenta e Keegan Hirst è l’atleta  che ha scelto la libertà. Un esempio per tutti, non solo per gli sportivi .

ANDDOS (72 club in 12 regioni con 140.000 associati) dice no all’omofobia ed incoraggia il coming out  anche nello sport , sostenendo tutti gli atleti che, senza timore, vogliono apertamente rivelare la propria omosessualità .

“Siamo un’associazione, contro le discriminazioni e le violenze, senza scopo di lucro fondata nel luglio 2012 – spiega il presidente nazionale Mario Marco Canale – promuoviamo un’immagine positiva dell’omosessualità nella società , nonché ci impegniamo quotidianamente per affermare i diritti civili e la libertà della comunità LGBTI . La nostra missione è quella di sostenere la creazione di ambienti sicuri dove sono le persone possono trovare protezione , apertamente rivelare la loro sessualità e, attraverso l’ interazione con gli altri , partecipare alla vita sociale . La famiglia è molto importante per ogni persona , soprattutto per i giovani omosessuali che vanno sostenuti e difesi nelle loro identità. ANDDOS vuole vivere pertanto in una società in cui tutte le persone sono rispettate e considerate, senza differenze, come ha sostenuto il campione Keegan Hirst. Con uguali diritti per tutte le persone. Una delle principali priorità di ANDDOS è anche la lotta contro l’AIDS e altre malattie sessualmente trasmissibili, attraverso la distribuzione di preservativi e soprattutto fornendo gratuitamente e quotidianamente consulenze mediche”.

Marco Tosarello