9 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Garcia: “Uniti saremo più forti”

“Solo stando tutti uniti saremo più forti”. Con queste parole Rudi Garcia ha presentato la prima sfida di campionato, contro il Verona, alla vigilia della trasferta del Bentegodi. Nella sala stampa del Bernardini l’allenatore giallorosso si è soffermato sugli obiettivi della prossima stagione, sulle soluzioni da adottare per il reparto difensivo e offensivo, confessando anche che sarà Szczesny il portiere titolare per la sfida contro gli uomini di Mandorlini.

Nel precampionato la Roma ha giocato con tutte grandi squadre, questo le dà fiducia per la stagione che sta per iniziare?
“È una preparazione che abbiamo scelto di fare, sono sempre esperienze che ci portano a migliorare ed era quello che volevamo quest’anno. Abbiamo scelto di giocare in delle trasferte contro squadre forti e di chiudere con un’amichevole contro il Siviglia, campione di Europa, in casa. Abbiamo visto tanto spettacolo e le premesse della nuova Roma. Ora, però, entriamo nel vivo: le gare contano e ci sono tre punti da prendere. Ovviamente nessuna squadra al mondo può avere la certezza al cento per cento sul livello fisico nella prima partita della stagione. Noi, però, non manchiamo di ambizioni e ci concentriamo solo su questo match, che per noi conta. Voglio che tutto il mio gruppo sia concentrato perché la prima partita è sempre molto importante”.

Cosa si aspetta dalla stagione che comincia?
“Nella sfida di domani dovremo essere bravi a contrastare le doti del Verona e fare di tutto per mettere sul campo gioco e qualità. Per quanto riguarda il campionato, abbiamo sempre grandi ambizioni. Io non sono cambiato e sono venuto a Roma per vincere dei titoli: faremo di tutto. L’obiettivo primario è lo stesso delle due stagioni scorse: qualificarci per la Champions League.
Sono due anni che sono qui e, uscendo da Trigoria, notiamo ogni giorno l’entusiasmo e le ambizioni della gente e lo stesso vale da parte nostra. Di certezze, come detto, nel calcio io non ne ho. Chiedo però a tutti noi, giocatori, allenatori e Società di giocare insieme e chiedo anche a tutti i nostri tifosi di giocare allo stesso modo con noi. Quando stiamo insieme facciamo il bene della Roma e quando non stiamo insieme facciamo il male della Roma. Due anni fa sono arrivato in un contesto difficile e il primo anno abbiamo fatto benissimo, l’anno scorso abbiamo avuto tante difficoltà nella seconda parte della stagione, ma vincendo il derby in trasferta abbiamo dimostrato che dalle difficoltà possono venire fuori le cose positive e belle e ci siamo qualificati per la Champions.

Perché dico tutto questo? Ora che conosco la piazza sono consapevole che ci può stare un po’ di disfattismo in momenti come questi, perché la piazza meriterebbe i successi che non è riuscita ad avere finora.

Ripeto che il mio obiettivo è quello di stare uniti, per essere più forti. Abbiamo un gruppo bellissimo e se staremo insieme saremo più forti. Tutti alla Roma siamo di passaggio, ma non sono solo io a dire che dobbiamo essere ambiziosi, lo dice la storia della Roma, che ha come destino quello di vincere, stiamo nella città più prestigiosa del mondo e abbiamo addosso la maglia più bella del mondo. Dobbiamo essere all’altezza del destino della Roma e solo facendo questo saremo più forti”.

Le caratteristiche tecniche di Džeko già si conoscevano: alla Roma mancava da tempo un centravanti così, cambierà il gioco dal punto di vista tattico?
“Oggi sul piano offensivo ho delle scelte da fare, ma siamo più ricchi in merito al numero dei giocatori: abbiamo più scelta e penso che questo sia un grande vantaggio per vincere le partite. Quando una cosa non funzionerà avrò la possibilità di cambiare sistema di gioco, mettendo uomini di che sanno fare cose diverse. Ci sono tante cose che abbiamo approfondito e che continueremo a fare in questi giorni. C’è anche la possibilità di far giocare il Capitano ed Edin insieme: non è un’eresia per questa cosa. Serviranno grandi campioni”

Che scelte farà in difesa considerate le assenze?
“L’infortunio di Maicon non è grave, sarà con noi la prossima settimana e sarà pronto per la prossima partita in casa. Cole non è nei convocati, è una scelta della Società, nel senso che l’abbiamo presa tutti insieme. Gyomber si è allenato con noi ieri e oggi: per lui è complicato inserirsi subito. Potrà dare una mano se serve, ma dobbiamo valutare che al momento ancora non ha provato bene sul campo lo stile difensivo della nostra squadra”.

Il gap con la Juventus è diminuito o aumentato?
“Se il gap è diminuito o aumentato lo dirà solo la stagione. Posso dire che la società ha lavorato benissimo per migliorare. Sono arrivati grandi giocatori, ma il mercato ovviamente non è finito. Per un allenatore non è un momento gradevole questo: iniziare la stagione con il mercato aperto è complicato e completeremo la nostra rosa il 1 settembre. Nel frattempo, però, ci sono tre punti da prendere già da sabato per poter iniziare con il piede giusto”.

Ha preso una decisione per quanto riguarda il portiere? Chi sarà titolare domani?
“Sì, ho preso una decisione per domani: ho parlato con entrambi, perché sono i primi che devono sapere le cose. Quest’anno la Roma ha la fortuna di poter contare su due portieri forti ed esperti, come le grandi squadre devono avere. Detto questo, non ci sarà un numero uno o un numero due, per me sono alla pari. Domani inizierà Szczesny, ma dopo valuterò il fatto di far giocare il migliore del momento: sono sullo stesso livello”.

Ha chiamato Digne? Sarà un giocatore della Roma?
“Di mercato ne parleremo il 1 settembre, sappiamo che cerchiamo un terzino sinistro e dopo ce ne serve ancora un altro. Digne fa parte delle possibilità, ma io preferisco concentrarmi sulle questioni legate a domani, poi ci sarà tempo per determinate risposte”.

Cosa ne pensa delle parole del ct dell’Olanda su Strootman che ha definito quello di Kevin un “dramma sportivo”?
“Io posso solo dire che Kevin è un calciatore formidabile ed è uno dei più forti centrocampisti al mondo. Sappiamo che un secondo infortunio necessita del suo tempo per poter tornare al 100%. Tornerà e tornerà forte. Gli sono vicino: lo aspettiamo e speriamo che torni nel più breve tempo possibile”.

Come gestirà Totti quest’anno?
“Abbiamo la grande fortuna di avere il Capitano con noi, non devo tornare sulla qualità del campione sul campo e nella vita. Anche a Valencia si è dimostrato molto prezioso per la squadra, compirà 39 anni e non può giocare tutte le gare senza perdere un po’ di brillantezza e forma fisica. Per me non ci sono problemi, l’ho sempre detto: è un vantaggio in più averlo con la squadra e sarà sempre così finché avrà piacere di giocare con la sua Roma. Se Edin ha giocato bene con il Siviglia è perché la squadra ha fatto un bel gioco e lo stesso è per il Francesco: ti puoi chiamare Totti o Džeko, ma se la palla non arriva al centravanti poco c’è da fare. Il Capitano avrà un grande ruolo da giocare, sia sul campo, sia fuori dal campo.

Sembra che Pallotta le stia consegnando una squadra per vincere: è così?
“Le ambizioni sono sempre le più alte possibili, ma è il il campo a parlare con la sua verità. Ovviamente la società ha fatto un grande lavoro per migliorare tante cose: ci stiamo concentrando su tutti gli aspetti che possono far crescere la rosa. Dobbiamo sfruttare al massimo le potenzialità dei giocatori. Questo sarà il mio compito”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.