20 gennaio 2017

Fiumicino – Diritto alla casa, due chiacchiere con il nuovo comitato

Da qualche tempo che abbiamo visto su Facebook una grande attività introno ad un nuovo profilo Diritto alla Casa Fiumicino, abbiamo raggiunto questo nuovo comitato per capire quanto sia importante il problema delle case nel comune di Fiumicino. Che cos’è Diritto alla casa Fiumicino?

Diritto alla casa nasce come comitato spontaneo, cittadino e apolitico, con lo scopo di diventare un punto di riferimento per tutte quelle persone che vivono situazioni di disagio abitativo nel nostro territorio.

Chi c’è dietro a Diritto alla casa Fiumicino?

Dietro diritto alla casa ci sono i cittadini che portano la propria testimonianza ed il loro contributo e  già in molti si sono messi in contatto con noi per collaborare ed aiutare. 

A Fiumicino è davvero emergenza case?

Da decenni a Fiumicino siamo stati tutti testimoni di una politica amministrativa volta unicamente all’affare immobiliare, basta vedere i cambiamenti topografici da Parco Leonardo a Isola Sacra,  non tutti però, anche per problemi dovuti alla situazione dell’aereoporto, cassa integrazione, mobilità e licenziamenti effettuati soprattutto da Alitalia, si sono potuti permettere i costi di acquisto e d’affitto che il mercato di Fiumicino impone, creando così una vera e propria emergenza casa.

Oltre ai social network esiste una realtà “diritto alla casa Fiumicino”?

Il comitato sta nascendo ora. Oltre al social network c’è una realtà fatta di incontri con tutte quelle persone che tramite noi denunciano cattive gestioni, soprusi e malaffare in genere legate all’abitazione popolare.

Attualmente come si sta comportando l’amministrazione pubblica?

L’amministrazione è’ sorda dinanzi al singolo cittadino, sta tentando di mettere delle toppe al problema tramite sussidi mensili e ai più “fortunati” gli viene pagato l’intero importo dell’affitto di una casa, ma non di una casa popolare. Senza considerare che ogni due anni come la legge impone, viene fatta una graduatoria per l’assegnazione delle abitazioni popolari ma nel frattempo non viene fatto un vero e proprio piano case  quindi rimane tutto fermo mentre la “graduatoria” si rinnova.
Ci sono,inoltre, nuclei familiari che da circa due anni sono “parcheggiati” all’interno di strutture denominate progetti CO-HOUSING che erano nati inizialmente per una permanenza di Massimo sei mesi, ma visto che il piano urbanistico attualmente è allo stallo queste persone rimangono sospese in un vero e proprio limbo abitativo.

I prossimi passi quali saranno?

Il comitato ha intenzione di indire  un’assemblea cittadina entro il mese di settembre forse ottobre dove potremmo, insieme a chi interverrà,  creare una delegazione che possa aprire un tavolo di lavoro con l’amministrazione proprio per dare delle risposte certe e sicure inerenti all’evolversi del piano abitativo popolare, e, cosa più importante per noi dare  voce a tutti quei singoli che non sono mai stati ascoltati.

About Emanuele Bompadre 8687 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.