10 dicembre 2016

Cerveteri – Il Gruppo Archeologico Cerite ricorda il professor Khaled Assad

Cari Amici,

come forse già sapete è stato ucciso in modo atroce dall’ISIS lo studioso Khaled Assad (82 anni), un uomo mite, di grande cultura, che ha dedicato tutta la sua vita allo studio del patrimonio storico-archeologico siriano. Il Professore Assad è stato il principale artefice della valorizzazione del sito UNESCO di Palmira che ha diretto per circa 50 anni. In occasione del viaggio del Gruppo Archeologico Cerite di qualche anno fa in Siria lo incontrammo nel museo di Palmira, insieme ai suoi collaboratori, per un semplice saluto scambiando idee sulla gestione del sito e sulla sua storia.

Un incontro breve e cordiale con reciproci inviti per lo scambio di conferenze e collaborazioni. E’ stato decapitato e appeso ad un palo a testa in giù come apostata e traditore perché non ha voluto rivelare il luogo dove ha nascosto i beni archeologici più preziosi di Palmira, prima che venisse conquistata dall’ISIS. Non ha voluto abbandonare la Sua città nonostante tutti lo avessero consigliato di andar via prima che fosse troppo tardi. Un esempio eroico di resistenza da parte di un uomo di cultura che non ha avuto paura dei barbari che imperversano nel mondo. Un EROE dei nostri tempi che ha sacrificato la sua vita per assicurare alle generazioni future la possibilità di ricucire la memoria storica e di essere ancora un popolo pensante e civile.

Questa barbarie, risultato dalle politiche sconsiderate dei governi dell’occidente in Irak, Siria, Libia ecc, imperversa ora senza freni proprio nei luoghi dove è nata la nostra civiltà e dove si cerca di farla terminare. E’ stata scoperchiata la botola che chiudeva l’ingresso dell’inferno. Colpire la cultura e la memoria storica è la vera negazione della civiltà umana, l’lSIS cerca di cancellare l’identità di interi popoli, l’essenza stessa dell’umanità e del vivere civile. Non sono mai stato un guerrafondaio ma credo che questi diavoli invasati meritino di essere sterminati, prima che sia troppo tardi. Senza dubbio organizzeremo a breve un’iniziativa per ricordare il personaggio facendo rimbalzare la notizia su tutti i mezzi d’informazione.

Un pensiero ad Assad testimone del nostro tempo e all’eroico popolo curdo che quasi da solo sta combattendo sul serio contro l’ISIS. Cari saluti da Pyrgi

Flavio Enei