4 dicembre 2016

Unicef: in Yemen 10 milioni di bambini a rischio, e mancano i soldi

A Palestinian mother comforts her child after what medics said was an Israeli shell that hit a U.N-run school sheltering Palestinian refugees, at a hospital in Jabaliya in the northern Gaza Strip July 24, 2014. REUTERS/Finbarr O'Reilly

L’Unicef lancia l’allarme sulla crisi umanitaria che sta devastando lo Yemen e denuncia inoltre la carenza di fondi, indispensabili “per poter raggiungere i bambini che ne hanno un disperato bisogno”, ha detto Julien Harneis, rappresentante Unicef nello Yemen, che ha aggiunto: “Non possiamo stare a guardare e lasciare che i bambini subiscano le conseguenze di una catastrofe umanitaria”. Dei 182 milioni di dollari richiesti, solo il 16% è stato raccolto, e questo per l’Agenzia Onu non è sufficiente a portare alla popolazione tutta l’assistenza necessaria.

La guerra in Yemen fra i ribelli houthi e le forze arabe guidate dall’Arabia Saudita sta infatti mietendo tantissime vittime tra la popolazione civile, e a pagarne il costo più alto sono i bambini -10 milioni in totale- così come emerge dall’ultimo rapporto Unicef ‘Yemen: Childhood Under Threat’. I dati sono allarmanti: 8 bambini al giorno uccisi o mutilati, 398 quelli che hanno perso la vita dall’inizio del conflitto, e 605 i feriti. Quasi 400 reclutati nelle file dei combattenti, dato che risulta più che raddoppiato rispetto al 2014, quando se ne erano contati ‘solo’ 156.

In quello che è diventato ormai il paese più povero del Mondo arabo, la crisi umanitaria ha colpito ormai 20,6 milioni di persone, 15 milioni delle quali, a causa del conflitto, non ha più accesso all’acqua potabile né alle strutture sanitarie, prese di mira dagli attacchi dei due schieramenti insieme alle altre infrastrutture: il rapporto Unicef ha contato 900 ospedali e 3.600 scuole distrutte, mentre anche il cibo, il carburante e quindi l’energia elettrica scarseggiano o non sono più reperibili.

Quindi, 1,8 di bambini è a rischio malnutrizione entro la fine dell’anno. C’è inoltre il rischio che contraggano malattie a causa dell’assenza dei servizi igenici, come morbillo, diarrea o pomonite. “Questo conflitto è una particolare tragedia per i bambini yemeniti”, ha dichiarato Harneis. “I bambini sono stati uccisi dalle bombe o dai proiettili e quelli che sopravvivono devono affrontare la crescente minaccia di malattie e malnutrizione”. Da non sottovalutare il rischio ordigni, a causa dei quali possono restare mutilati o perdere la vita. Per questo l’Agenzia Onu ha addestrato oltre 280.000 persone per imparare a riconoscerli, e quindi prevenire il pericolo.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5942 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.