10 dicembre 2016

Calcio – La squadra anti razzismo Afro Napoli United chiama Balotelli

“Vieni a giocare con chi fa il calcio per amore e per passione, anche solo per un giorno”. Napoli chiama Mario Balotelli. Ma non la Napoli del calcio di serie A, del calcio dei miliardi o dei potenti, ma la Napoli di un calcio di prima categoria, di chi il calcio lo fa per passione, di chi per mantenersi fa l’idraulico, il muratore, il tuttofare, il cameriere. È la Napoli dell’Afro-Napoli United, una squadra di calcio che milita nel campionato di Prima Categoria della Figc in Campania, realtà nata nel 2009 grazie all’iniziativa di Antonio Gargiuglo, giovane commercialista napoletano, e di alcuni ragazzi senegalesi, Sow Hamath e Watt Samba Babaly, che decisero di formare questa squadra per superare barriere razziali.

Ora la lettera, pubblicata sulla pagina Facebook del club, indirizzata a Mario Balotelli. “Ti scriviamo perché siamo certi che più di una cosa ci leghi. In primo luogo, sappiamo che ami Napoli e noi, a Napoli e in provincia, ci viviamo e giochiamo a calcio ormai dal 2009. Conosciamo le tue origini africane e sappiamo che per te sono un orgoglio. Ti sembrerà strano, ma anche questo ci lega- si legge- I nostri calciatori sono per la maggiore africani e provengono dal Senegal, dalla Costa d’Avorio, da Capo Verde, dal Gambia, ma anche da paesi sudamericani come Paraguay e Perù. Ovviamente, in squadra ci sono anche ragazzi napoletani e insieme cerchiamo di lanciare un messaggio. Quale? La diversità è un valore da preservare e non da contrastare, un’arma vincente, il nostro vero punto di forza. In un periodo come quello che stiamo vivendo, dove sempre più si parla di migrazione in termini negativi e xenofobi, gridare NO AL RAZZISMO è fondamentale. Il nostro obiettivo è farlo ogni volta che scendiamo in campo”.
Il calcio dell’Afro-Napoli United “è ben diverso dal tuo- scrivono ancora rivolgendosi sempre a Balotelli, ultimamente ai margini del Liverpool- I nostri calciatori, per vivere, fanno gli idraulici, i muratori, i tuttofare, i camerieri e alcuni sono dovuti andar via, in Calabria, e campano raccogliendo le arance e i pomodori. Spesso, il sabato, dopo la partita, si corre a lavoro ed è sempre più difficile districarsi tra le mille avversità. Ci sono i permessi di soggiorno, i campi inagibili, le spese, i problemi personali. Nessuno ci paga per giocare a calcio, ma affrontiamo tutto questo spinti dalla passione e dalla voglia di riscatto”. Quindi, l’invito: “Forse è utopistico immaginare che tu possa mandare a quel paese il calcio dei potenti, dei milioni e delle tv che ti usa e non ti comprende allo stesso tempo, ma vieni a giocare con chi fa il calcio per amore e per passione, anche solo per un giorno. Noi afronapoletani saremmo felicissimi di ospitare un fratello afroitaliano. Ci regaleresti un’altra vittoria. Ciao Mario”.

Il commento del presidente

“Da un po’ di tempo sentiamo che è ai margini del Liverpool, che cerca un’altra squadra… La sensazione è che lui sia stato sfruttato dal mondo calcio e ora sia stato messo da parte. Noi, provocatoriamente, gli chiediamo di mandare a quel paese il calcio dei potenti, dei milioni e di fare sport con chi come noi lo fa con passione”. E’ nata così l’idea ‘provocazione’ della lettera a Mario Balotelli, centravanti azzurro, scritta da Antonio Gargiulo, presidente e fondatore dell’Afro-Napoli United. La sua lettera sta circolando rapidamente sul web e sui media nazionali, chissà che non arrivi presto, o che non sia già arrivata, ‘oltremanica’, a Liverpool: “Noi confidiamo in una sua risposta- dice ancora Gargiulo all’agenzia DIRE- Lui può venire a trovarci, saremmo felicissimi. Balotelli rappresenta in grande quello che è l’Afro-Napoli in piccolo”.

Per Gargiulo l’ex attaccante di Inter e Milan “rappresenta l’Italia moderna, multietnica. È legato alle proprie origini e si batte contro il razzismo”. Una risposta positiva di Balotelli all’invito dell’Afro “servirebbe al calcio di oggi, diventato esclusivamente attività imprenditoriale. Gli interessi economici sono più importanti, quelli sportivi ormai sono messi da parte. Come i valori che lo sport dovrebbe avere, come la formazione dei giovani, l’aggregazione e l’integrazione. Un gesto del genere sarebbe importante, ma non dovrebbe essere l’unico”. Intanto la società è pronta al grande esordio in Prima categoria: “Siamo quasi pronti, speriamo di essere i protagonisti, anche se sarà dura e difficile. Ma noi diremo la nostra. Vorremmo centrare almeno i playoff”.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.