3 dicembre 2016

Roma – Tre arresti e una denuncia per droga in due diverse operazioni

Arrestati ieri 2 stranieri, R.S.J.F. capoverdiano di 41 anni e B.C.J.P. peruviano di 30 anni, entrambi con vari precedenti di Polizia. Gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Giudiziaria del Commissariato Flaminio Nuovo, diretto dalla dr.ssa Cristina Petrella , al termine di attenta e laboriosa indagine, sono riusciti ad incastrare i due stranieri, arrestandoli per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
L’indagine è scaturita a seguito di un furto avvenuto il 6 agosto scorso all’interno di un negozio. Dalla successiva visione delle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza presente nel locale, i poliziotti hanno riconosciuto il responsabile, uno straniero, senza fissa dimora identificato per R.S.J.F. Dopo una serie di accertamenti gli agenti della Polizia di Stato sono riusciti a rintracciare lo straniero, ospite di un amico in via Pirzio Biroli sulla via Cassia. L’11 scorso gli investigatori si sono presentati a casa di questi e, dapprima l’ospite si è nascosto all’interno del bagno ma poi quando ha capito che da lì’ non sarebbe potuto fuggire, è uscito consegnando agli agenti un involucro contenente circa 23 grammi di hashish. La successiva perquisizione ha consentito di sequestrare ulteriori 12 involucri di carta stagnola contenenti un totale di 16 grammi della medesima sostanza nonché un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento ed elettrico per la misurazione della glicemia nonché apparecchi ancora imballati per la rilevazione della pressione. Le successive indagini, hanno permesso di collegare l’uomo ad un ingente furto avvenuto a luglio all’interno di una abitazione. Acquisita la denuncia della vittima, una donna che abita nella zona, i poliziotti si sono resi conto che alcuni oggetti asportati ed elencati nell’atto corrispondevano a quelli presenti nell’abitazione dei due stranieri .
Il materiale rubato è stato recuperato e restituito alla legittima proprietaria.
Giudicati con rito direttissimo, i due sono stati entrambi condannati ad 1 anno di reclusione con l’applicazione per R.S.J.F. del divieto di dimora nel Comune di Roma e per B.C.J.P., l’obbligo di firma presso il Commissariato.
Arrestato invece dagli agenti del Commissariato Prenestino diretto dal dr. Carlo Musti un marocchino di 40 anni.
L’uomo, R.A., insieme ad una peruviana, successivamente denunciata, già da giorni erano oggetto di indagine da parte della Polizia.
Nell’ultimo appostamento sono stati visti uscire insieme da un palazzo in via Ludovico Pavoni al Prenestino da dove si sono diretti a piedi in un bar di via della Marranella.
Durante la loro permanenza nell’esercizio pubblico si sono avvicinate a loro più persone, hanno scambiato qualche parola allontanandosi subito dopo.
Gli agenti hanno deciso così di procedere ad un controllo dei due che in un primo momento hanno addirittura negato di conoscersi e di non abitare nella zona.
Indosso però entrambi avevano le stesse chiavi di casa.
Positivo l’esito della perquisizione in casa dei due. Nella camera da letto i poliziotti hanno rinvenuto una busta in cellophane contenente circa 100 grammi di hashish suddiviso in tavolette e stecchette già pronte per essere vendute. Rinvenuta anche una bilancia elettronica ed un coltello a serramanico. R.A. è stato trovato in possesso della somma di 405 euro suddivisa in banconote di vario taglio probabile provento dell’attività illecita.
Accompagnati negli uffici del Commissariato Prenestino, lo straniero è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.