5 dicembre 2016

MotoGP, Brno: la pagella del Dicos

JORGE LORENZO 10 e lode: Vittoria sontuosa per l’asso spagnolo della Yamaha. Veloce in prova, rapido in qualifica, imprendibile in gara; è lui il protagonista assoluto del fine settimana della Repubblica Ceca. Parte come un razzo e quando mancano 14 tornate all’arrivo, inizia una danza martellante che annichilisce le velleità di Marquez. Pennella le curve di Brno in maniera sublime, come il miglior Leonardo. Il quinto trionfo stagionale gli regala anche la leadership in campionato. Martillo!

MARC MARQUEZ 8,5: E’ ritornato a indossare i panni di pilota veloce e temibile. Allo spegnimento del semaforo diventa l’ombra della M1 numerata 99. Il ritmo è pazzesco e dopo 9 passaggi non riesce più a replicare al connazionale. La piazza d’onore gli permette di rimanere matematicamente in scia del duo Yamaha nella lotta al titolo. Secondo chi vi scrive, però, Marquez più che protagonista per il titolo sarà colui che deciderà il titolo. Se i valori in campo saranno quelli di Brno e Indianapolis, per la Curva Sky sarà dura. Ago della bilancia!

VALENTINO ROSSI 7: Brno è un tracciato che gli piace, dove ha vinto tanto. In qualifica riesce ad essere incisivo e stacca il terzo miglior tempo. Ha sempre sostenuto che il grosso del gap con Jorge e Marc nasce dalla posizione della griglia di partenza. In gara, però, non è mai stato con chi ha dominato e solo un folle innamorato orbo può dire che ha girato con gli stessi tempi di Lorenzo. Poi se lo urla chi fa la cronaca, beh, oltre ad essere innamorato e orbo non rende onore alla verità. Da questa tappa ci aspettavamo, da chi corre sempre per vincere, qualcosina in più di un compitino svolto senza lode e infamia. Non comprendo come la terza piazza diventi, a seconda delle gare, quella di chi soffre psicologicamente gli avversari oppure quella del più bravo. Folli misteri di innamorati orbi. Deludente!

ANDREA DESMOIANN 7,5: Continua l’abruzzese la sequenza di buoni risultati in sella ad una moto tutta da evolvere. Il contatto con i primi è ancora una chimera ma il distacco dal podio si assottiglia. Bravo!

DANI PEDROSA 7,5: Quando sembrava essere ritornato in forma per battagliare con i migliori, il ragazzo di Sabadell è costretto da un paraolio della forcella a gareggiare con il dolore. Il suo cuore, temprato da tante sofferenze agonistiche, è stato, però, più forte del peggior avversario per un pilota e gli ha permesso di concludere quinto, davanti al Dovi. Peccato perché Brno era una buona chance per primeggiare. Coriaceo!

ANDREA DESMODOVI 5: Fine settimana difficile per l’italiano ducatista. In sella alla nuova moto riesce a fare peggio della vecchia e di chi ha corso con la zavorra del dolore. Gara da dimenticare!

YAMAHA: La più equilibrata

HONDA: Leggermente sofferente

DUCATI: Grande accelerazione, occorre uno come Lorenzo oppure Stoner….

SUZUKI: Si è fermato lo sviluppo?

APRILIA: Arrivano preziosi punticini ma mi aspetto di più….

BRIDGESTONE: Lorenzo durante un’intervista afferma: “Con le gomme che ci sono ora, che sono quelle che mi piacciono di più”. E’ un passaggio chiave, fondamentale in ottica iridata. Spero che la casa giapponese non diventi fattore imparziale nell’assegnazione del titolo. Se proprio vuol favorire l’avversario, nonché proprio testimonial, del maiorchino con operazioni tipo Assen e Sachsenring, beh, dia almeno a Jorge la possibilità di gareggiare con l’attuale versione. Altrimenti sarebbe una interferenza grave e poco sportiva. Oggi sono chiari ed evidenti i reali valori delle forze in campo.. A seconda delle scelte che farà questo sport si chiamerà motociclismo o marketingismo.

LIVOR REGGIANI: Capisco l’essere tifoso e l’essere di parte. Capisco lo stare male quando il proprio beniamino le busca. Capisco anche che possa piacere uno stile di guida rispetto ad un altro. Non comprendo, però, l’astio gratuito verso Lorenzo e soprattutto non comprendo il voler sminuire il suo operato con un’affermazione gratuita. Allora ha ragione chi dice che ogni cosa che riguarda Biaggi provoca in lui del livore. In fondo Jorge chi è? Il biaggista più veloce del mondo. E’ chi è Max Biaggi per Reggiani? Ecco!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5950 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.