2 dicembre 2016

Bracciano – Corte dei Conti, la nota del Sindaco Giuliano Sala

 

“Sindaci parafulmini.

Con questa mia comunicazione desidero rappresentare il mio personale stato d’animo conseguente alla condanna ricevuta in primo grado da parte della Corte dei Conti, per aver arrecato, per colpa grave, un danno al Comune di Bracciano nella mia qualità di socio unico della Bracciano Ambiente Spa.

La condanna deriverebbe dal parziale funzionamento di un impianto di trattamento del percolato, la cui realizzazione era obbligatoriamente richiesta nell’Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dalla Regione Lazio nel maggio 2007 alla Bracciano Ambiente, quando ancora non ero stato eletto sindaco.

L’impianto di percolato, per poter funzionare doveva sfruttare il calore fornito dall’impianto di trattamento del biogas, costruito dalla ditta privata ENTEC quando la discarica era gestita dal privato S.E.L. s.c.a.r.l.. L’energia prodotta dall’impianto di captazione di biogas risultava insufficiente per l’ottimale funzionamento del collegato impianto di percolato, pertanto la stretta interdipendenza tra le due strutture ha fatto sì che il malfunzionamento dell’impianto costruito e gestito dalla Soc. Entec, costituisse un impedimento alla corretta e funzionale operatività dell’impianto di trattamento del percolato costruito e gestito della Bracciano Ambiente, che è stato regolarmente collaudato e pertanto da ritenersi ad ogni effetto funzionante.

La mia colpa sarebbe, a detta del giudice contabile di primo grado, quella di aver permesso alla Bracciano Ambiente la costruzione dell’impianto di trattamento del percolato, e di non aver effettuato comunicazioni alla società ENTEC in merito a suoi inadempimenti. La Bracciano Ambiente, tra l’altro, si è sin da subito attivata per mettere in mora la Società Entec e per sollecitare la soluzione del problema di mal funzionamento, attraverso comunicazioni ed incontri.

Certamente sono molto amareggiato da questa condanna della giustizia contabile, soprattutto perché in tutti questi anni da sindaco di Bracciano, ho sempre cercato di fare gli interessi legittimi dei cittadini, mi sono impegnato in maniera totale, trasparente e corretta nell’amministrazione dell’ente pubblico dedicando tutte le mie energie e l’impegno possibile al rispetto del ruolo ricoperto, rinunciando a dedicarmi al mio lavoro privato e alla mia famiglia.

Sono dispiaciuto anche per tutte quelle meravigliose persone che in questi lunghi anni hanno condiviso con me, in modo serio e disinteressato, il governo della cosa pubblica; per gli assessori e i consiglieri che si sono di volta in volta alternati e che hanno sempre creduto nei progetti da realizzare, confrontandosi in maniera partecipativa.

Sono dispiaciuto per tutte quelle persone che hanno creduto in me e che mi hanno sempre sostenuto liberamente e con convinzione.

Sono dispiaciuto perché accerto e verifico un accanimento tendente in particolare alla delegittimazione della mia persona ed in generale a quella dei rappresentanti istituzionali.

Sembrerebbe che oggi, per poter svolgere il ruolo di sindaco, occorra inglobare in una sola persona la formazione ed il titolo di ingegnere ambientale, di avvocato con capacità e conoscenze amministrative e penali, di esperto in contabilità pubblica e revisione contabile. Per assurdo, qualora ci si avvalesse di tutte queste consulenze professionali non reperibili in un piccolo comune, si potrebbe incorrere in un danno erariale per spreco di denaro pubblico. Siamo al paradosso che indipendentemente da come ti muovi, rischi sempre e comunque in proprio.

In ogni caso voglio decisamente affermare che il mio stato d’animo è di assoluta consapevolezza di non aver mai approfittato della pubblica amministrazione per motivi personali e di aver sempre cercato di aiutare, nella piena legittimità, tutti coloro che si sono rivolti a me in questi lunghissimi anni.

Sono convinto che la definizione del giudizio di appello che mi accingo a proporre, potrà ristabilire il giusto equilibrio rispetto alla sentenza di primo grado.

Ho imparato a mie spese, che nello svolgimento del ruolo di sindaco di un paese, ci sono i momenti esaltanti e coinvolgenti della vittoria elettorale, i momenti di grande soddisfazione e gratificazione quando realizzi scelte rilevanti ed innovative, i momenti di delusione perché sei impotente a risolvere, per mancanza di risorse o per i troppi vincoli imposti, le emergenze quotidiane che tutte le pubbliche amministrazioni locali vivono, i momenti, come questo, nei quali il sentimento prevalente è quello di gettare tutto all’aria e pensare “ma chi me lo fa fare”.

Poi, però, ritorna la freddezza e la razionalità del pensiero, che ti riconduce a pensare quale sia il meglio per la comunità amministrata.

Ho bisogno, pertanto di riflettere qualche giorno, per comprendere al meglio il da farsi, confrontandomi in primis con la mia famiglia e con le persone che stanno con me condividendo questa esperienza politico-istituzionale. Ritengo di avere comunque la giusta serenità e la lucidità per poter prendere la migliore decisione possibile in questo difficile momento”.