7 dicembre 2016

MotoGP – Missione ‘aggancio’ : riuscita!

211 pari e palla al centro. Il Campionato del Mondo MotoGP™ riparte dall’Automodrom di Brno. L’undicesimo round della stagione 2015 ci ha consegnato un mondiale sempre più vivo e interessante. In testa alla classifica iridata due piloti, nonchè compagni di squadra, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, si trovano adesso a pari punti quando mancano 7 gare alla fine.

Ma è il maiorchino ad esser il più raggiante dei due. ‘Por Fuera’ completa infatti una rimonta iniziata dalla quinta gara della stagione dopo non aver mai visto il podio nei round precedenti; quindi il poker di vittorie che mai gli era riuscito in carriera (neanche nelle annate dei suoi titoli mondiali) e i podi di Assen e Indy.

Arrivato a Brno con una determinazione senza eguali, Lorenzo ha fatto capire subito di avere una marcia in più, dominando tutte le sessioni di prove libere e cronometrate (ad esclusione delle FP2 lasciate a Marquez), incluso il warm up di questa mattina. In gara non c’è stata storia: Jorge ha spostato l’interruttore sulla modalità “martillo” e ha salutato ben presto la compagnia, scavando subito un solco importante dal rivale della Honda, unico pilota che ha provato a tenere il suo passo.

Il maiorchino ha dato al mondo intero una lezione di puro motociclismo pennellando il tracciato moravo di Brno con le gomme morbide montate sulla sua M1. La casa di Iwata non vinceva in Repubblica Ceca dal 2010, ma soprattutto al maiorchino è riuscito l’aggancio al leader del campionato. Un aggancio che in realtà sa di sorpasso: perché a parità di punti (211) Lorenzo è davanti a Rossi per numero di vittorie (5 a 3).

Valentino incassa e prepara già la sua vendetta a Silverstone e Misano. Il Dottore forse non ha azzeccato la scelta delle gomme, optando per l’opzione dura: i due rivali sono scappati e non c’è stato verso di andarli a riprendere. Il pesarese ha comunque tutto da giocarsi e tutto è possibile, grazie all’11º podio stagionale su altrettanti round (15 consecutivi se contiamo anche quelli dell’ultimo scorcio del 2014).

Non dimentichiamoci di Marc Marquez. Il pilota di Cervèra nulla ha potuto quest’oggi contro lo strapotere di Lorenzo, ma il 22enne è un talento cristallino che guida sempre al limite e regala spettacolo. Pur se aveva lo stesso pneumatico del maiorchino e in avvio aveva dato l’impressione di poterlo studiare e infilare, il Campione del Mondo in carica si è ritrovato alle prese con una RC213V difficile da gestire sulle buche di questo tracciato.

Quinto posto dal sapore agrodolce per il suo team-mate Dani Pedrosa. Il veterano di Sabadell, rimane invischiato in un contatto nella bagarre iniziale che gli fa perdere diverse posizioni, relegandolo ai margini della Top Ten. A quel punto è iniziata la sua rimonta, coriacea e silenziosa, sino al sesto posto, alle spalle delle due GP15 di Andrea Iannone e Andrea Dovizioso. Avvicinatosi pericolosamente al forlivese, lo spagnolo ha sferrato l’attacco decisivo nell’ultimo giro, conquistando la meritata posizione.

Le Desmosedici del Ducati Team hanno mostrato una buona crescita grazie alla nuova carenatura (più ‘snella’) e al nuovo propulsore che la casa di Borgo Panigale aveva consegnato ai suoi piloti ufficiali per quest’appuntamento. Iannone in particolare ha evidenziato una crescita anche psicologica, da pilota esperto e maturo, confermandosi quale quarta forza del Campionato: quarto in gara e quarto in classifica.

Altra importante conferma arriva dall’inglese Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3), miglior pilota satellite davanti al team-mate Pol Espargarò e a suo fratello maggiore Aleix. Il britannico soprattutto allunga in classifica sul connazionale Cal Crutchlow (CWM LCR Honda) a terra poco dopo la metà di gara alla Curva11. Stessa sorte toccata nel medesimo punto un giro più tardi dal rookie Maverick Viñales (SUZUKI ECSTAR) quando occupava con la prima GSX-RR la decima posizione.

Top Ten che alla fine, per la seconda gara consecutiva, si aggiudica Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing). Il pilota di Terni ha preceduto al traguardo il compagno di squadra Yonny Hernandez e l’inglese Scott Redding (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS). Per la prima volta in stagione, l’Aprilia Racing Gresini entra in zona punti con entrambe le sue RS-GP, con Alvaro Bautista che si rimette davanti a Stefan Bradl.

Sul fronte delle ‘Open’, il Gran Premio della Repubblica Ceca ci restituisce un grande protagonista, assente nel precedente round di Indianpolis: Loris Baz (Forward Racing) conquista al rientro l’ultimo punto iridato a disposizione precedendo i diretti rivali Hector Barberà (Avintia Racing) e Nicky Hayden (Aspar MotoGP Team).

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.