10 dicembre 2016

Tomba di Nerone – La polizia interviene per una lite e nello stesso edificio trovano delle piante di marijuana

Doppio arresto ieri pomeriggio in via Bruno Bruni ad opera degli agenti della Polizia di Stato. Tutto ha inizio verso le 17 con una telefonata giunta al centralino del 113. La segnalazione riferisce di una lite violenta in uno dei mini appartamenti di via Bruno Bruni.

All’arrivo della volante del Commissariato Flaminio, diretto dalla dr.ssa Cristina Petrella, i soggetti in lite, M.D.T e W.D.S., entrambi originari dello Sri Lanka, rispettivamente di 36 e 34 anni, evidentemente per sottrarsi al controllo, hanno iniziato ad aggredire con violenza gli operanti.

Per bloccare e dichiarare in arresto i due cingalesi per i reati di violenza, resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale, sono dovuti intervenire gli equipaggi dei vicini Commissariati Ponte Milvio e Monte Mario e gli agenti del Reparto Volanti.

Mentre gli agenti facevano salire gli arrestati sulle auto di servizio, hanno notato nel giardino del monolocale attiguo a quello in uso ai cingalesi, seppur mimetizzate tra alcuni arbusti, due piante di marijuana.

Subito è scattata la perquisizione domiciliare; nell’abitazione erano presenti D.P.A, 35enne originario della provincia di Caserta e R.J., colombiano di 48 anni, entrambi già noti ai poliziotti. Oltre alle due piantine che si vedevano nel piccolo giardino, sono stati sequestrati alcuni grammi di marijuana -già pronta per essere spacciata- un trincia erba, usato dai due per lavorare le foglie di marijuana ed un bilancino elettronico.

Nell’evidenza del reato di spaccio, i due sono stati dichiarati in arresto ed hanno quindi seguito “i vicini di casa” in carcere.