Foro Italico – Bruciava rifiuti pericolosi tossici, fermata una nomade

I Carabinieri della Stazione Roma Parioli hanno arrestato una cittadina romena di 35 anni, domiciliata nel campo nomadi di via del Foro Italico 531, sorpresa mentre stava incendiando rifiuti pericolosi, perlopiù plastica e lattine varie, nei pressi dell’insediamento.




I militari stavano transitando con l’auto di servizio sulla tangenziale Est quando hanno visto un’intensa colonna di fumo nero alzarsi da un campo posto tra l’insediamento denominato “Italia 90” e le sponde del fiume Aniene.

Seguendo il fumo, i Carabinieri hanno notato la donna mentre era intenta ad accatastare altri rifiuti tra i numerosi già incendiati. L’odore acre e le esalazioni tossiche di quei materiali stavano raggiungendo la via “Olimpica”, i binari della vicina ferrovia e l’area commerciale che si trova a due passi.

Le fiamme sono state spente dai Vigili del Fuoco allertati dai militari.

Nell’occorso, quando i Carabinieri stavano facendo salire la donna nell’auto di servizio, un cittadino romeno di 32 anni, anch’egli domiciliato nell’insediamento, ha iniziato ad inveire contro di loro proferendo minacce e insulti di ogni tipo. Inoltre, alla richiesta dei militari di fornire le proprie generalità, il 32enne si è rifiutato di collaborare, motivo per cui nei suoi confronti è scattata la denuncia a piede libero per minacce e oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità.

Informazioni su Giovanni Soldato 3170 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.