11 dicembre 2016

Card. Turkson: Laudato si’, forte impatto su politiche governi

Ghanian Cardinal Peter Kodwo Appiah Turkson talks to journalists during a press conference at the Vatican, Saturday, Oct. 24, 2009, concluding a three-week Vatican meeting on the role of the Catholic Church in Africa which he had headed. Pope Benedict XVI has tapped Cardinal Peter Kodwo Appiah Turkson to head the Vatican's justice and peace office. The high-profile job cements Turkson's reputation as a possible papal candidate. Turkson had told reporters three weeks ago that there was no reason there couldn't be a black pope, particularly after Barack Obama was elected U.S. president. (AP Photo/Gregorio Borgia)

L’importanza ecumenica oltre che ecologica della Giornata di preghiera per il Creato, proclamata da Papa Francesco, e l’impatto della Enciclica “Laudato si’” sulle politiche ambientali dei governi sono tra i temi principali dell’intervista di Alessandro Gisotti al cardinale Peter Turkson. Il presidente del Pontificio Consiglio “Giustizia e Pace” inizia la sua riflessione proprio a partire dalla Giornata per il Creato che ricorrerà il prossimo primo settembre:
R. – Questo annuncio è molto, molto significativo. Come si vede già nell’Enciclica, c’è questo desiderio di mostrare un volto ecumenico. L’idea di adottare questa Giornata per il Creato, in settembre, come fa già la Chiesa ortodossa, simboleggia qualcosa di molto, molto importante: una convergenza di idee fra queste due Chiese. Certamente, il Santo Padre avrebbe potuto scegliere qualunque altra data. Aver dunque voluto adottare la stessa data della Chiesa ortodossa è molto, molto significativo. Invece di moltiplicare le celebrazioni, si cerca di convergere su quelle già esistenti. Si potrebbe anche pensare che sia stato Papa Francesco, nella sua Esortazione postsinodale, “Evangelii Gaudium”, a dire che la realtà è più potente delle idee. Questo pure viene manifestato qui. L’Enciclica ha proposto tantissime idee, ma la scelta di una data per la celebrazione dà una sorta di concretezza a tutte le proposte fatte nell’Enciclica. Quindi, non sono semplicemente idee presentate, ma c’è un desiderio di renderle concrete.

D. – Nella lettera inviata a lei e al cardinale Koch, in cui si annuncia la Giornata per la salvaguardia del Creato, Papa Francesco chiede, come aveva fatto già nella “Laudato sì”, una conversione ecologica ai fedeli…

R. – C’è una dimensione di continuità nei pensieri espressi nell’Enciclica. Continuità, in questo caso, si riferisce alle idee già portate avanti dagli altri Pontificati. Per esempio, questa idea di conversione ecologica è stata presentata per la prima volta da Papa Giovanni Paolo II. La conversione ecologica ci porta a riconoscere il fatto che tutti noi dobbiamo cambiare marcia e contribuire, nelle diverse forme, alla salvaguardia del mondo, a invertire la rotta. Può sembrare una cosa difficile, ma attraverso queste piccole cose possiamo dimostrare, manifestare il nostro desiderio di assumere dei piccoli impegni, che rappresenteranno questo cambiamento di marcia da parte di tutti noi. Possiamo aiutare un poco nella salvaguardia del Creato.

D. – L’Enciclica “Laudato si’” sta ricevendo una grande attenzione a livello mondiale. Secondo lei, i leader politici, mondiali, ascolteranno il Papa?

R. – Hanno già cominciato ad ascoltare. E io ne ho già testimonianza. Il 29 giugno ero a New York, alla guida di una delegazione della Santa Sede, per una discussione sul tema del cambiamento climatico. Un intervento dietro l’altro citava l’Enciclica di Papa Francesco. Nonostante l’Enciclica non sia esattamente sul tema del cambiamento climatico, ma proprio sul Creato e l’ecologia integrale, uno dopo l’altro citavano la parte in cui tratta la questione dei cambiamento climatico. Quindi, la risonanza è già stata verificata. Qui ancora continuiamo a ricevere lettere che si congratulano con il Santo Padre per la pubblicazione di questa Enciclica e, queste lettere, non arrivano solo da studiosi, ma anche dai capi, dai dirigenti e dai membri dei governi. A luglio scorso, a Parigi, Nicolas Hulot, consigliere del presidente francese, ha organizzato un evento sulla questione dell’ambiente. Il presidente Hollande, aprendo la conferenza con il suo discorso, ha citato profusamente l’Enciclica di Papa Francesco. Non si dubita sull’impatto che l’Enciclica ha avuto sui diversi governi. Sono passato pochi giorni fa in Ghana e lì anche il presidente ha mandato una lettera al nunzio apostolico nel Paese con il suo apprezzamento per l’Enciclica. E’ fuori di dubbio l’impatto che l’Enciclica ha avuto sui governi e sugli esponenti delle organizzazioni mondiali.

D. – Anche il presidente degli Stati Uniti, Obama, proprio presentando questo suo piano per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, ha citato la “Laudato sì”…

R. – Vuol dire che i discorsi del Santo Padre sono molto seguiti da diversi personaggi nel mondo.
(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.