Prezzi di frutta e verdura aumentati del 500%

Pesche pagate al produttore 0,30 euro rivendute nei supermercati a 1,80. Susine che dall’albero costano 0,40 e sui banchi 1,40, l’uva da tavola da 0,80 a 2,50. Solo solo alcuni dei prezzi del settore ortofrutticolo denunciati dalla Coldiretti, in allarme perché si allarga sempre di più la forbice tra il costo dei prodotti da corrispondere all’agricoltore, e quello pagato dai consumatori al supermercato, al punto che ormai l’incremento sfiora quota 500%.

Sebbene infatti l’Istat comunichi un forte aumento nei prezzi dei vegetali (+6,1%) e della frutta (+4,2%), il settore agricolo sta attraversando una profonda crisi, con un crollo verticale dei salari e produttori che non riescono quasi più a coprire le spese.

“E’ in atto una vera speculazione che sottopaga la frutta al di sotto dei costi di produzione agli agricoltori e non permette a molti cittadini di garantirsi il consumo di un prodotto indispensabile per la salute in questa stagione- ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che- nella forbice dei prezzi dal campo alla tavola c’è margine da recuperare per garantire un reddito sufficiente agli agricoltori e acquisti convenienti per tutti i cittadini”.
Fonte: agenzia dire

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8352 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.