8 dicembre 2016

MotoGP, Indianapolis: la pagella del Dicos

Marc Marquez, of Spain, leaves the pits during qualifying for Sunday's Indianapolis Grand Prix motorcycle race at Indianapolis Motor Speedway in Indianapolis, Saturday, Aug. 8, 2015. (AP Photo/Darron Cummings)

MARC MARQUEZ 10: Pole position e tre giri finali da urlo sono i sigilli dello spagnolo sulla coppa americana destinata al più bravo. Sembra essere ritornato il funambolo ammirato da tutti gli appassionati delle due ruote. Non si fa prendere dalla foga e contiene il distacco dal battistrada per poi superarlo di slancio quando i giochi sono diventati seri. Non mi spiego la parentesi nera che lo separa dalla stagione scorsa ad oggi. Uno che guida così non diventa un somaro all’improvviso. Così come un somaro non diventa un’aquila. Voi che spiegazione avete in merito? Bravissimo!

JORGE LORENZO 9,5: Terzo in griglia, il maiorchino le prova tutta per spuntarla. La partenza è sontuosa così come la gestione della corsa fino a quando Marquez e la Honda mettono il turbo. Guadagna quattro punti sul compagno di squadra leader del mondiale. Certo il secondo è il primo dei perdenti, così come i mondiali possono vincersi per poche lunghezze. Gagliardo!

VALENTINO ROSSI 10: Quale voto se non il massimo per uno che ha quasi sempre arrancato, al via è ottavo, dietro ad una M1 non ufficiale e arriva al traguardo terzo? Quante volte, tranne in qualifica, ha girato in 32,8? Ecco, merita il meglio. Lui e la Bridgestone. Si, perché a cosa servono le prove? Mi spiego meglio: a cosa servono i tecnici e gli ingegneri di squadra se alla fine decidono la scelta degli pneumatici ed un polso che da dormiente diventa iperattivo allo spegnimento del semaforo? Ottimo ed abbondante!

DANI PEDROSA 8: Mentre il teammate ha la meglio sulla Yamaha numerata 99, lui le prende da quella con il numero 46. E’ sembrato avere le forze per salire sull’ultimo gradino del podio ma Rossi è stato più veloce. Non dimentichiamo, però, questa che stagione è per Dani. Il definirlo, con tono ironico, un tartufo lo trovo una caduta di stile per chi è stato un pilota e fa comunicazione. Il giornalismo, a qualunque livello esercitato, impone il rispetto verso i protagonisti delle cronache; meno gridolini e più rispetto. Medaglia di legno!

DESMOIANN 6,5: La posizione, tutto sommato, è buona, ma il distacco è di quelli pesanti. Inoltre in qualifica le prende da Danilo Petrucci in sella ad una desmosedici non ufficiale. Alla bandiera a scacchi vince il desmo challenge, ma da lui e dalla Ducati ci aspettiamo di più. Perde anche la terza posizione in classifica generale. Forza!

HONDA: Ama l’asfalto americano e con Marquez torna ad essere vincente.

YAMAHA: A mio parere è ancora la migliore del lotto.

DUCATI: Che fine ha fatto la creatura che ad inizio anno ha fatto sognare i ducatisti?

SUZUKI: Qualcosina di buono lo si vede in qualifica, ma in gara….

APRILIA: Comparsa e la cosa non mi piace. A Noale sanno come si costruiscono moto veloci, quindi…..

GARA: Il finale, seppur condito, non regala tante emozioni…..

LE PERLE: Tra un Ah-ha…Oh-ho….Uh-hu…Ah-ha il repertorio è stato vasto:
“Sono palpabili alla vittoria…”
“Da quando ho arrivato….”
“Una tartufata…..”
“E’ bello come la schiaffa dentro….”
Bellissimissimo!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.