Papa al Meg: dialogo e rispetto identità altrui per superare conflitti

12/06/2013 Città del Vaticano, piazza San Pietro, udienza generale del mercoledì , nella foto papa Francesco

Tensioni e conflitti si superano col dialogo e nel rispetto dell’identità degli altri. Lo ha detto Papa Francesco, parlando a braccio, nell’Aula Paolo VI, ai ragazzi del Movimento Eucaristico Giovanile (Meg) promosso dai Gesuiti, a Roma per l’incontro mondiale in occasione del centenario di fondazione. Davanti a 1500 giovani di 38 delegazioni nazionali, accompagnati dal superiore generale dei Gesuiti, padre Adolfo Nicolás, e dal direttore generale delegato, padre Frédéric Fornos, e tanti altri che da tutti i continenti hanno seguito in diretta l’evento, il Pontefice ha esortato ad avere fiducia in Cristo, che dona la “vera pace”. Il servizio di Giada Aquilino:

I conflitti si risolvono col dialogo e col rispetto dell’identità altrui. Non ha avuto dubbi Papa Francesco nel rispondere “col cuore” alle domande postegli dai ragazzi del Movimento Eucaristico Giovanile, giunti in Aula Paolo VI in rappresentanza di oltre un milione di giovani del mondo. Il Pontefice ha invitato tutti a “non avere paura delle tensioni”. D’altra parte, ha spiegato, nella vita esistono: la società e la famiglia senza tensioni sarebbero “un cimitero”; “soltanto in Paradiso non ce ne saranno”. Quindi un triplice consiglio:

“Primo, non avere paura delle tensioni perché ci fanno crescere; secondo, risolvere le tensioni con il dialogo, perché il dialogo unisce, sia in famiglia sia nel gruppo di amici, e si trova una strada per andare insieme, senza perdere la propria identità. Terzo, non attaccarsi troppo a una tensione perché questo ti farà male”.

Il Pontefice ha invitato pure a leggere i conflitti in una dimensione diversa, riallacciandosi ad una realtà come quella dell’Indonesia, Paese d’origine di uno dei giovani che gli hanno parlato, “dove si respira – ha osservato – una grande diversità interna di culture”:

“Il conflitto, per essere bene assunto, deve essere orientato verso l’unità, e in una società come la tua che ha una cultura con tante culture diverse dentro, deve cercare l’unità ma nel rispetto di ciascuna identità”.

Il pensiero del Papa è andato poi alle minoranze che non sono rispettate, come i migranti Rohingya partiti dalla Birmania e respinti in mare da diversi Paesi asiatici:

“Questo è un conflitto non risolto e questa è guerra, questo si chiama violenza, si chiama uccidere. E’ vero: se io ho un conflitto con te e ti uccido, è finito il conflitto. Ma quello non è il cammino. Se tante identità – siano culturali, religiose – vivono insieme in un Paese, ci potrebbero essere conflitti, ma soltanto con il rispetto dell’identità dell’altro, con questo rispetto si risolve il conflitto”.

I veri conflitti sociali, anche quelli culturali, ha aggiunto, “si risolvono con il dialogo, ma prima con il rispetto dell’identità dell’altra persona”. Ciò non sta accadendo ad esempio ad un’altra minoranza, quella dei cristiani del Medio Oriente:

“Le minoranze religiose, i cristiani … non solo non sono rispettati, ma tante volte sono uccisi, perseguitati… Perché? Perché non si rispetta la loro identità. Nella nostra storia, sempre ci sono stati conflitti di identità religiosa, per esempio, che venivano fuori per non rispettare l’identità dell’altra persona. ‘Ma, questo non è cattolico, non crede in Gesù Cristo …’ – ‘Rispettalo. Cerca che cosa buona ha. Cerca nella loro religione, nella loro cultura, i valori che ha. Rispetta’. Così i conflitti si risolvono con il rispetto dell’identità altrui”.

Quindi, rispondendo ad una ragazza brasiliana a cui il Pontefice aveva precedentemente chiesto scherzosamente chi preferisse tra Pelé e Maradona, Francesco ha riflettuto sulle sfide della sua missione come religioso: “trovare sempre la pace nel Signore, quella pace che soltanto Gesù ti può dare”, ha detto, invitando a “discernere” tra la pace di Cristo e quella del diavolo che – ha ribadito – “sempre ti truffa”:

“La vera pace viene sempre da Gesù. Anche, alcune volte viene incartata in una croce. Ma è Gesù che ti dà la pace in quella prova. Non sempre viene come una croce, ma sempre la vera pace è di Gesù. Invece, l’altra pace – quella superficiale – quella pace che ti fa contento, ti accontenta un po’ ma è superficiale, viene dal ‘nemico’, dal diavolo”.

I giovani, poi, sono – nelle parole di Francesco – i segnali di gioia e di speranza nella Chiesa di oggi: quelli che non fanno i “pensionati” ma credono “che Gesù sia nell’Eucaristia”, “che l’amore sia più forte dell’odio”, “che la pace sia più forte della guerra”, “che il rispetto sia più forte del conflitto”, “che l’armonia sia più forte delle tensioni”, di fronte a quella che il Papa già in altre occasioni aveva avuto modo di definire una “terza guerra mondiale, a pezzi”. Ma sono segnali di gioia anche i nonni. Il Papa ha raccontato di aver conosciuto all’udienza generale un’anziana di 92 anni, il cui ‘segreto’ di longevità sta nei “ravioli” fatti in casa. Eppure, ha proseguito, i nonni sono i “grandi dimenticati” di questo tempo, di cui sempre più spesso, in questo periodo di crisi in Italia, ci si ricorda solo perché “hanno la pensione”:

“I nonni sono una fonte di saggezza, perché hanno la memoria della vita, la memoria della fede, la memoria delle ‘tensioni’, la memoria dei ‘conflitti’… E sono bravi, i nonni. A me piace tanto parlare con i nonni”.

Francesco ha proseguito parlando di Gesù che “si manifesta sempre nella sua pace”:

“Se tu ti avvicini a Gesù ti dà una pace, ti dà una gioia. E quando tu incontri Gesù – nella preghiera, in un’opera buona, in un’opera di aiuto all’altro; ci sono tante maniere per trovare Gesù…– sentirai la pace e anche la gioia”.

Per questo bisogna sempre fare “memoria di quello che Gesù ha fatto”, andando “lì, sul Calvario, dove Gesù ha dato la sua vita” per noi, ricevendo il Corpo e il Sangue di Cristo, andando a Messa o pregando “davanti al Tabernacolo. Così, ha confidato ai giovani, “andrete avanti”:

“Il mondo ha tante cose brutte, stiamo in guerra; ma ci sono anche tante cose belle e tante cose buone e tanti santi nascosti nel popolo di Dio. Dio è presente. Dio è presente e ci sono tanti, tanti motivi di speranza per andare avanti. Coraggio e avanti!”.

I ragazzi del Meg hanno risposto con la festa: chi ha chiesto al Papa un autografo, chi un ‘selfie’, chi gli ha portato la bandiera argentina; tutti insieme gli hanno donato una copia del progetto e dell’applicazione ‘Click to pray’. Anche questo è un modo per andare avanti.
(Da Radio Vaticana)

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7661 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.