8 dicembre 2016

Cisterna di Latina – Fontana Biondi, ultimati i lavori di riqualificazione

Insieme all’orologio sulla torre dell’ex palazzo comunale, un altro monumento simbolo di Cisterna è stato restituito alla cittadinanza in tutto il suo splendore. Si tratta della Fontana Biondi, la storica opera che si erge nel cuore dei giardini pubblici del centro che proprio quest’anno festeggia il 125esimo anniversario dalla sua inaugurazione.
Grazie alla collaborazione con Acqualatina e Cisterna Ambiente, l’amministrazione comunale ha disposto un intervento di riqualificazione della prestigiosa fontana inattiva ormai da circa 6 anni.
I tecnici incaricati dal gestore idrico sono intervenuti già la settimana scorsa per riparare le condutture danneggiate che impedivano all’acqua di sgorgare dalla bocchette.
Questa settimana, invece, è stato attuato l’intervento di pulizia della fontana da parte degli operatori di Cisterna Ambiente che, tra le altre cose, hanno disinfestato l’opera d’arte dal muschio e le erbacce formatesi nella vasca e sulla scultura.
I lavori sono stati ultimati in questi giorni in vista dei festeggiamenti del Santo patrono che attireranno nel centro di Cisterna migliaia di persone.
Realizzata dallo scultore Ernesto Biondi tra il 1885 ed il 1890, la “Bella Ninfa”, molto probabilmente la Dea Feronia che con il braccio destro innalza un ramoscello d’ulivo, è il simbolo della vittoria della bonifica sulla palude e quindi sulla malaria, rappresentata da una figura demoniaca incatenata e distesa sotto i piedi della dea.
La forma tozza creata dai massi di granito e stalattiti del Trentino, allora Impero Asburgico, rappresenta una montagna con grotte e anfratti che emerge dalla palude prosciugata sorreggendo la dea Feronia (marmo h. 210) mentre schiaccia la malaria.
La base è costituita da una vasca circolare con gradinate. All’interno della vasca ed ai piedi del rilievo erano posti gruppi scultorei rappresentanti giovani pastori e loro bestiame.
L’opera, un esempio di “realismo borghese” dell’Ottocento, risentì duramente dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale durante la quale la statua della dea Feronia venne decapita ma presto restaurata ed intorno alla fontana fu creato un giardino per il quale furono chiamati gli allora rinomati giardinieri del Comune di Roma.
“Finalmente recuperiamo anche la Fontana Biondi – commenta il sindaco Eleonora Della Penna – grazie all’aiuto di Acqualatina e Cisterna Ambiente. Ora sta a ognuno di noi, cittadini di Cisterna, difendere questo pilastro della nostra storia dal vandalismo e dall’inciviltà dei quali troppe volte è rimasto vittima”.