9 dicembre 2016

Usciamo di casa: ci sono i giochi geolocalizzati

La tecnologia ci isola? L’antidoto sono i giochi di gruppo basati sul GPS

In ogni gruppo, di amici o di parenti, qualcuno si lamenta della tecnologia perché priverebbe le persone del piacere di uscire di casa e incontrare altre persone. Probabilmente i genitori sono i più assidui assertori di questa tesi, specialmente in estate, con le scuole chiuse e la PlayStation o l’Xbox surriscaldata. La risposta sono i giochi geolocalizzati.

I location-­‐based games sono una tipologia di gioco in cui lo svolgimento include e progredisce attraverso la posizione geografica dei giocatori. È sufficiente l’app del gioco e il servizio GPS attivo per iniziare il gioco. Il più diffuso è Geocaching (www.geocaching.com/it). Il geocaching, nato in USA con l’apertura ai civili del servizio GPS, fondamentalmente è una cacia al tesoro in cui viene nascosto un contenitore, chiamato “cache”, e la sfida consiste ovviamente nel trovarlo. Quando il contenitore è ritrovato, il giocatore registra la scoperta e riposiziona tutto al proprio posto per renderlo nuovamente disponibile. Per giocare è sufficiente registrarsi sul sito (gratis), scaricare l’app, connettersi e attivare il GPS e, naturalmente, uscire di casa. Lo scopo originario è di portare i giocatori su luoghi di particolare interesse normalmente fuori dagli itinerari turistici tradizionali.

Provate a cercarle su www.geocaching.com/map e provate a trovare la cache con amici e parenti. Divertimento assicurato. Se desiderate un po’ più di adrenalina e strategia allora il gioco adatto può essere City Domination (www.facebook.com/CityDomination). Attraverso la formazione di una banda di mafiosi (il gruppo dei giocatori) bisogna conquistare dei territori per imporre il vostro controllo. La città viene divisa in aree e ovviamente i territori si conquistano andando sui luoghi e “combattendo” con gli smartphone. Più giocatori conta la vostra banda (cioè più persone siete a giocare) più potete conquistare velocemente, e difendere, le vostre zone. Divertitevi a scoprire i vostri “reali” avversari.

L’immancabile Google è presente con Ingress, presentato come un gioco di realtà virtuale. Con Ingress si gioca per la città andando alla ricerca di oggetti segnalati sullo smartphone. I giocatori sono divisi in due fazioni: Illuminati, che stanno aiutano gli Shaper ad infiltrarsi sulla Terra, e Resistenza, decisa a proteggere gli esseri umani. Un giocatore sul proprio smartphone vede la zona che lo circonda. Nella mappa ci sono le strade e i palazzi e vengono visualizzati gli elementi del gioco: i portali, l’Exotic Matter, i link e i campi di controllo. Chi vincerà fra le due fazioni? Quando pensate di aver conquistato o liberato una zona, la mattina dopo potreste trovarla già persa. Ma se i giochi non fanno per voi, ecco Cityteller (www.cityteller.it), gioco per letterati. Camminando per la città e passando per un luogo ecco comparire sullo smartphone apparire un riferimento letterario del posto.

Così camminando per Roma ci rendiamo conto che da Dan Brown fino a Gogol, da Pirandello a Chiara Gamberale, la Città Eterna è piena di riferimenti e quelli che non sono presenti li potete aggiungere. Questi giochi si possono giocate ovunque, con chiunque. Non si hanno più scuse: alzarsi dal divano e uscire.