5 dicembre 2016

MotoGP – Indianapolis, l’eroe di casa: Nicky Hayden

Il pilota americano ha presentato il suo casco in vista del Red Bull Indianapolis Grand Prix.

Nel 2006 Nicky Hayden si è iridato Campione del Mondo della Mondo MotoGP™ aggiungendosi alla lista delle stelle americane della 500cc come Kenny Roberts Sr, Freddie Spencer, Eddie Lawson, Wayne Rainey, Kevin Schwantz e Kenny Roberts Jnr. Ad oggi è l’ultimo americano ad aver vinto il titolo della classe regina perché negli ultimi anni la MotoGP™ è stata conquistata dai piloti italiani, australiani e spagnoli.

Il “Kentucky Kid” ha debuttato nel mondiale nel 2003 con la Repsol Honda, dopo essere diventato il più giovane vincitore del Campionato AMA Superbike l’anno precedente.

Con due podi nella sua prima stagione ha finito il Campionato con la quinta piazza e iniziò ad essere considerato l’erede dei migliori piloti statunitensi dell’epoca delle “due tempi”.

La prima vittoria di Hayden in MotoGP™ arrivò nel 2005, l’anno in cui si tornò a correre a Laguna Seca, dopo che nel 1994 si era svolta l’ultima gara sul circuito californiano; e davanti al primo posto dell’americano, il pubblico andò in delirio.

Replicò il primo posto anche l’anno successivo; nel 2006 Hayden ottenne due vittorie ma fu una stagione speciale, combattuta con Valentino Rossi fino all’ultima gara.

Secondo alcuni vincere il titolo mondiale con due vittorie potrebbe essere poco, ma quello è stato un anno pieno di emozioni: al penultimo appuntamento Hayden è stato battuto anche dal suo compagno di squadra Dani Pedrosa, nella gara del Portogallo.

L’americano diede il meglio di sé nell’ultimo incontro della stagione, quando otto punti lo distaccavano dal leader in classifica, Valentino Rossi. Dopo cinque titoli consecutivi il pesarese era pronto a conquistare il sesto, ma a Valencia, Hayden si è iridato vincitore.

Quasi dieci anni dopo, al Gran Premio di Indianapolis, “Kentucky Kid” è l’unico pilota statunitense a scendere sulla griglia di partenza. Il campionato statunitense, MotoAmerica, è stato modificato proprio per preparare i giovani piloti d’oltre oceano alle competizioni internazionali. Hayden è certo del successo di questo progetto: “Ci vorrà tempo ma i piloti statunitensi torneranno a vincere il Campionato del Mondo. Spero che la MotoAmerica riesca a far nascere nuovi talenti”.

Dopo la vittoria del titolo con la Honda, Hayden è rimasto altri due anni con la casa Tokyo ma ha faticato a competere contro le Yamaha e le Ducati.

Nel 2008, si è disputato il primo Campionato della MotoGP™ sul circuito di Indianapolis Motor Speedway; il GP dell’Indiana è diventato il secondo appuntamento americano ed è in questo evento che Hayden può considerarsi padrone di casa visto che la pista è a pochi chilometri dalla sua città natale, Owensboro.

Nell’anno d’esordio della MotoGP™, malgrado l’arrivo dell’uragano Ike, Hayden ha fatto il secondo posto, dietro a Valentino Rossi che ha vinto sotto la pioggia.

Nel 2009 l’americano è poi passato al team ufficiale Ducati e in occasione del GP di Indy disputò la gara con una tuta speciale a stelle e strisce e ancora una volta salì sul podio, ma questa volta sul terzo gradino. Nell’edizione 2012, una caduta spettacolare lo costrinse a guardare la gara dal box; nel 2014 la frattura alla mano destra ha obbligato ancora una volta il “Kentucky Kid” a non scendere in pista ed è stato sostituito da Leon Camier.

Quest’anno, Hayden correrà per la prima volta sul circuito dopo che sono state fatte delle modifiche nell’asfalto e nel tracciato ma si mostra ottimista: “Indy è un posto speciale ricco di storia. Ci sono stati molti cambiamenti; l’anno scorso non ho potuto correre però i piloti hanno apprezzato le novità. Non vedo l’ora di salire in moto questo fine settimana”.

Durante la conferenza stampa Hayden ha presentato la decorazione del suo casco in vista del GP di casa dov’è riportata una citazione “Non può piovere per sempre”, una frase che descrive la sua positività; ma il “Kentacky Kid” ha anche voluto rendere omaggio a Bernat Martinez e Dani Rivas, i due piloti spagnoli che hanno perso la vita durante il round MotoAmerica a Laguna Seca un paio di settimane fa. Se una cosa è certa è che Hayden metterà in una performance stellare per i suoi tifosi di casa.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5950 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.