5 dicembre 2016

Il Ducati Team arriva negli USA all’Indianapolis Motor Speedway

Dopo la breve pausa estiva, il Campionato Mondiale MotoGP torna in azione il prossimo weekend sulla leggendaria Indianapolis Motor Speedway, per il decimo round dell’anno. Il secondo appuntamento stagionale sul suolo americano, dopo la gara di Austin nel mese di aprile, segnerà l’inizio di un impegnativo tris di gare in agosto per i protagonisti della MotoGP, con tre eventi in quattro settimane. Alla gara americana, infatti, seguiranno il GP della Repubblica Ceca a Brno, a distanza di una settimana, e il round inglese di Silverstone a fine mese.

La capitale dello stato dell’Indiana ha una grande fama nel mondo dei motori, dovuta soprattutto alla sua International Speedway, soprannominata “The Brickyard”, dove ogni anno a fine maggio si disputa la 500 Miglia per le auto della categoria IndyCar. Dal 2008 le imponenti strutture dell’ovale di Indianapolis ospitano anche la gara MotoGP, che si svolge su una parte del tracciato sopraelevato, raccordato con una serie di lente e tortuose curve situate all’interno dello stesso.

Lo scorso anno Andrea Dovizioso è partito in prima fila, con il secondo miglior tempo in qualifica, ed ha terminato la gara al settimo posto, mentre altri risultati di rilievo per il pilota romagnolo sono stati nel 2012 quando è salito sul podio al terzo posto, e nel 2008, 2010 e nel 2011 quando arrivò quinto. Nelle sue due presenze in MotoGP sulla pista dell’Indiana invece Andrea Iannone non è mai salito sul podio, collezionando un ritiro nel 2014 e un undicesimo posto nel 2013.

Il programma del weekend di Indianapolis inizierà venerdì mattina con la prima sessione di prove libere alle 09.55 (15.55 CET) mentre la gara, sulla distanza di 30 giri, è prevista per domenica alle 14.00 (20.00 CET).

Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 3° (118 punti)

“Quella di Indianapolis è una pista interessante, dove l’anno scorso sono andato abbastanza bene. Purtroppo però in gara abbiamo avuto qualche problema di troppo, ma la nostra prestazione in generale non era male. Quest’anno credo di poter fare una buona gara con la GP15: io sono sempre positivo e quest’anno ho molti motivi in più per esserlo, anche perché sono terzo in campionato. Spero quindi che riusciremo ad essere subito veloci e di poter essere più vicino ai nostri avversari rispetto alle ultime gare.”

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 5° (87 punti)

“Indianapolis sarà un weekend importante: è un tracciato che a nostro parere si adatta meglio alla GP15, e ci servirà per capire a fondo la nostra velocità in questo momento della stagione. I test di Misano sono stati molto importanti per noi perché abbiamo potuto lavorare con tranquillità, senza la pressione del weekend di gara, e fare molte comparizioni. Spero di interrompere la mia striscia negativa delle ultime gare con una bella prestazione a Indy e di cogliere un buon risultato su una pista dove l’anno scorso siamo andati abbastanza bene.”

L’Indianapolis Motor Speedway

La prima corsa in assoluto su questo tracciato è datata 14 agosto 1909, e fu una gara motociclistica che si svolse sul circuito ovale di circa 5 km, ma nonostante i quasi 100 anni di storia del tracciato la MotoGP è giunta in Indiana solo nel 2008. Per celebrare questo evento sono state apportate pesanti modifiche alla zona interna, l’infield, ma senza intaccare la leggenda dell’ovale. Il layout della pista, che si estende per 4.170 km e che conta sedici curve, incorpora nel rettilineo principale anche parte dell’ovale, incluso il famoso “Brickyard”, la striscia di mattoni sulla linea d’arrivo che ricorda la pavimentazione originale del circuito americano.

Giro più veloce in gara: Marquez (Honda – 2014), 1’32”831 (161.7 km/h)

Miglior Pole: Marquez (Honda – 2014), 1’31”619 (163.8 km/h)

Velocità massima: Dovizioso (Ducati – 2014), 345.7 km/h

Lunghezza pista: 4.2 km

Lunghezza gara: 27 giri (112.6 km)

Curve: 16 (10 a sinistra, 6 a destra)

Inizio gara: 14:00 (20.00 ora italiana)

Così nel 2014

Podio: 1° Marquez (Honda), 2° Lorenzo (Yamaha), 3° Rossi (Yamaha)

Pole: Marquez (Honda – 2014), 1’31”619 (163.8 km/h)

Giro più veloce: Marquez (Honda – 2014), 1’32”831 (161.7 km/h)

Andrea Dovizioso

Moto: Ducati Desmosedici GP15

Numero di gara: 04

Età: 29 (nato il 23 marzo 1986 a Forlimpopoli, Italia)

Residenza: Forlì (Italia)

Gare: 231 (133 x MotoGP, 49 x 250cc, 49 x 125cc)

Primo GP: 2001 Gran Premio d’Italia (125cc)

Vittorie: 10 (1 x MotoGP, 4 x 250cc, 5 x 125cc)

Prima vittoria: 2004 Gran Premio di Sudafrica (125cc)

Pole: 16 (3 x MotoGP, 4 x 250cc, 9 x 125cc)

Prima Pole: 2003 Gran Premio di Francia (125cc)

Titoli Mondiali: 1 (1 x 125cc)

Andrea Iannone

Moto: Ducati Desmosedici GP15

Numero di gara: 29

Età: 25 (nato il 9 agosto 1989 a Vasto, Italia)

Residenza: Vasto (Italia)

Gare: 169 (42 x MotoGP, 51 x Moto2, 76 x 125cc)

Primo GP: 2005 Gran Premio di Spagna (125cc)

Vittorie: 12 (8 x Moto2, 4 x 125cc)

Prima vittoria: 2008 GP di Cina (125cc)

Pole: 9 (1 x MotoGP, 5 x Moto2, 3 x 125cc)

Prima Pole: 2008 GP di Malesia (125cc)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.