3 dicembre 2016

Il Consiglio Comunale ha iniziato l’esame delle delibere collegate al bilancio 2015 ed ha approvato le prime quattro delibere

Il Consiglio Comunale ha continuato la propria sessione sul bilancio 2015 ed ha approvato, dopo la votazione di alcuni emendamenti, le prime quattro delibere collegate: sulla quota di tariffa idrica relativa al servizio fognatura, sulla determinazione delle tariffe e la percentuale di copertura dei servizi a domanda individuale, sulle aliquote del Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI), sulla determinazione delle tariffe del Tributo comunale sui rifiuti (TARI).

Il Consiglio comunale, presieduto da Raimondo Pasquino, si è riunito oggi in via Verdi, presenti 34 consiglieri, per la seconda delle due sedute programmate sulla manovra di bilancio di previsione 2015.
Nell’ora che ha preceduto l’appello iniziale, si è svolto il question time, presieduto dal Vice Presidente Frezza, con risposta in Aula dell’amministrazione alle interrogazioni dei consiglieri: Marco Nonno sullo smaltimento di abiti usati, con risposta dell’assessore all’Ambiente Del Giudice, sulla messa in sicurezza della sede della Quinta Municipalità, con risposta dell’assessore al Patrimonio Fucito e sulle istanze di condono edilizio, con risposta dell’assessore all’Urbanistica Piscopo; Vincenzo Moretto sul degrado del cimitero di Poggioreale, con risposta dell’assessore ai Cimiteri Fucito.
In apertura sono intervenuti i consiglieri Palmieri (NCD) e Moretto (Fd’I) per ricordare che l’opposizione è correttamente in Aula (Palmieri) e che dei molti ordini del giorno ed emendamenti presentati vi è disponibilità a selezionare i più significativi da sottoporre all’Aula, purché la maggioranza prenda atto della necessità di un confronto aperto e senza forzature (Moretto).
È iniziato quindi l’esame della delibera 466/2015 sull’approvazione della quota di tariffa idrica relativa al servizio fognatura per gli anni 2014/2015 ai sensi della deliberazione dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il gas, illustrata dall’assessore alle Infrastrutture Calabrese. Sulla votazione del primo emendamento, a firma del consigliere Moretto, si è svolto l’appello nominale, che ha respinto l’emendamento con 21 voti contrari, 5 favorevoli e 10 astenuti. Approvato all’unanimità un secondo emendamento di A. Borriello (PD), la delibera è stata approvata a maggioranza.
L’assessore Palma ha quindi introdotto la delibera n. 486 sulla determinazione delle tariffe e del sistema delle agevolazioni ed esenzioni e della percentuale di copertura dei servizi a domanda individuale. L’assessore ha sottolineato che si passa da una copertura di circa il 27% ad una di circa il 29%, sta quindi continuando il percorso verso la maggiore copertura (che per legge deve essere del 36%); nel caso della refezione scolastica, grazie al nuovo sistema delle presenze giornaliere, si è avuta una effettiva riduzione dei costi del servizio.
Dopo l’intervento del consigliere Moretto, Gennaro Esposito (RD – RED) ha presentato un proprio emendamento per l’incremento delle tariffe per gli impianti sportivi ad uso individuale dello Stadio San Paolo, poi approvato a maggioranza; un secondo emendamento (a firma di Varriale di IDV), sul prolungamento a 36 mesi della rateizzazione per i concessionari dei mercatini sottoposti a canoni di concessione, dopo un intervento di Moretto, è stato trasformato in ordine del giorno e approvato all’unanimità. Un emendamento di Santoro (NCD) sulla titolarità dell’autorizzazione all’utilizzo gratuito per attività istituzionali nelle sale del Maschio Angioino, dopo interventi di Fiola (PD) e Moretto, è stato approvato all’unanimità. La delibera n. 486 – dopo un intervento con dichiarazione di voto contrario di Santoro sulla delibera così come emendata su proposta di Gennaro Esposito – è stata quindi votata e approvata a maggioranza.
La delibera 373 sulla Determinazione delle aliquote del Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) da applicarsi per l’anno d’imposta 2015 è stata presentata dall’assessore Palma il quale ha sottolineato che sostanzialmente l’impianto delle aliquote della TASI per l’anno 2015 rimane uguale a quello dell’anno scorso (aliquote fissate a livello massimo per le abitazioni principali di categoria catastale A2, A3, A4, A5, A6, A7 e per alcune tipologie di immobili rientranti nelle categorie A1 e A9) tranne che per l’innovazione determinata dall’aliquota del 2,5% per le unità immobiliari costruite e destinate dalla ditta costruttrice alla vendita. Vengono inoltre determinate le detrazioni spettanti all’abitazione principale.
Dopo l’intervento del consigliere Moretto, e l’approvazione del suo emendamento, la delibera è stata approvata a maggioranza.
La delibera di G.C n. 483 sulla Determinazione delle Tariffe del Tributo comunale sui rifiuti (TARI) da applicarsi per l’anno d’imposta 2015 è stata presentata dal Vice Sindaco Del Giudice e dall’assessore al Bilancio Palma, i quali hanno sottolineato che la TARI è il Tributo comunale sui rifiuti che, insieme all’Imposta Municipale Propria (IMU) e alla Tassa sui Servizi Indivisibili (TASI), costituisce l’Imposta Unica Comunale (IUC), istituita con la Legge di Stabilità 2014 (L. 27 dicembre 2013 n. 147). Le tariffe del tributo comunale sui rifiuti, come previsto dalla Legge 147/13, devono coprire integralmente il costo del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti riportato nel Piano Economico Finanziario dell’Asìa, che svolge il servizio di gestione dei rifiuti. Con la diminuzione del costo del servizio svolto da Asia, nel 2015 si avrà una generale riduzione della tariffa di circa il 2%, mentre per le categorie che erano state particolarmente penalizzate dalla prima applicazione della TARI (ristoranti, alberghi, ortofrutta, fiorai, biblioteche ecc.), ci saranno riduzioni dal 10 al 15%, mentre per le associazioni senza scopo di lucro che presentano progetti la riduzione potrebbe essere fino al 50%.
Dopo l’esame di alcuni emendamenti e la trasformazione in raccomandazione di un emendamento a firma del consigliere Fiola, la delibera è stata approvata a maggioranza.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.