10 dicembre 2016

Regione Lazio – Varchi in spiaggia, Avenali: “La legge del demanio garantisce la libera fruizione”

Il passaggio della Goletta Verde di Legambiente nel Lazio arriva in un momento di svolta nelle politiche regionali sulla gestione del demanio marittimo, grazie alla legge che il Consiglio ha approvato a giugno, anche in risposta a tante delle denunce e proposte fatte dall’associazione negli anni scorsi. La legge regionale 8/2015 è una norma innovativa, che pone la Regione Lazio all’avanguardia, tra quelle Regioni virtuose dal punto di vista della gestione del demanio marittimo.” dichiara Cristiana Avenali, Consigliera regionale del Partito Democratico, che ha partecipato alla tappa odierna di Goletta Verde al Porto di Ostia.

La legge introducendo l’obbligo di lasciare libero almeno il 50% delle spiagge comunali, da una spallata importante al “Lungomuro di Ostia” che occupa più del 50% del litorale romano, come ci confermano i dati presentati stamattina – spiega Avenali – e non solo, il punto della legge in cui si stabilisce che il 20% di spiagge libere e libere con servizi devono essere previste in ambiti omogenei, risponde alla richiesta di Legambiente di avere spiagge libere anche nel parte centrale del municipio di Ostia. Vengono finalmente garantite trasparenza e legalità dalle procedure di evidenza pubblica attraverso le quali si dovrà procedere all’assegnazione delle concessioni, come ci dice di fare l’Europa, e che interrompe il passaggio ereditario di concessioni e gli affidamenti diretti che sono la normalità degli ultimi decenni, e non ci potranno più essere concessioni centenarie.”

“Altra innovazione importante é la previsione della “spiaggia libera con servizi” attraverso la quale i Comuni hanno la possibilità di garantire la libera fruizione delle spiagge e la tutela ambientale anche delle aree più pregiate del litorale, creando anche attività economiche sostenibili, che sono un modello possibile come ci dimostra l’esperienza di Capocotta. La nuova gestione del litorale laziale è stata avviata – prosegue la Consigliera – e dobbiamo proseguire nella direzione giusta, anche attraverso il coinvolgimento e l’informazione ai cittadini, affinché possano fruire delle bellezze delle nostre coste in modo consapevole. In questo senso, il Regolamento di attuazione della Legge ci permetterà di pianificare una gestione trasparente ed un monitoraggio continuo, nel pieno rispetto anche della legge nazionale. La normativa regionale da’ oggi regole certe e chiare: l’economia del mare è un tassello significativo del sistema economico regionale. Con la nuova legge regionale condurre attività imprenditoriali è possibile, ma bisogna farlo in modo sostenibile e corretto, nel rispetto del libero e gratuito accesso dei cittadini alla spiaggia e dell’ambiente e del paesaggio”.

Ora sarà importante approvare il Pua regionale nei tempi stabiliti, per fare in modo che anche i Comuni possano approvare i loro Piani e poi anche attuarli: anche in questo caso purtroppo l’esperienza romana né emblematica: il PUA é stato approvato diversi anni fa ma mai applicato, e il “Lungomuro” è ancora li!– conclude Avenali”.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.