11 dicembre 2016

Aeroporto, Giovanni Castellucci: “Montino sbaglia, su Fiumicino gli investimenti li stiamo facendo”

Montino sbaglia, su Fiumicino gli investimenti li stiamo facendo. Dal 2013 a oggi ADR ha investito sullo scalo più di 600 milioni di euro, oltre le previsioni iniziali del contratto di programma”. È determinato ma sereno Giovanni Castellucci, amministratore delegato di Atlantia (la società che controlla Aeroporti di Roma) nonché di Autostrade per l’Italia. Lo si percepisce anche al telefono. Non si aspettava l’attacco del sindaco di Fiumicino – pubblicato domenica sera sull’Huffington Post – arrivato proprio quando il momento di maggiore difficoltà fra incendi, blackout e negligenza della Vueling era appena passato. “Comunque non voglio alimentare polemiche, bisogna guardare avanti. L’obiettivo è far crescere lo scalo. Ed è un lavoro che dobbiamo fare tutti insieme. Incluso il Sindaco di Fiumicino. Quindi direi: basta con inutili polemiche e fughe di responsabilità. Piuttosto diamoci da fare tutti con passione e impegno”.

Facciamo però un passo indietro, a domenica sera. Come ha preso l’attacco di Montino ad AdR, Atlantia, Benetton?

E’ stata un’estate “calda” e il territorio di Fiumicino è stato al centro di tensioni forti. Ma non possiamo lasciar passare accuse infondate e generalizzazioni. E’ il momento nel quale ciascuno si deve prendere le sue responsabilità. E vorrei rispondere da azionista di AdR alle accuse di Montino, una per una.

Il sindaco infatti fa accuse circostanziate. Partiamo dalla prima. Lui dichiara che i lavori del Molo C sono fermi perché AdR, nonostante il controllo di Atlantia, ha sbagliato a fare l’appalto e così i lavori sono fermi.

Il sindaco Montino non può non sapere che gli appalti seguono regole precise. Nell’Ati che ha vinto la gara c’era una impresa che successivamente è entrata in difficoltà chiedendo la procedura concorsuale, ma l’attuale normativa sugli appalti ci avrebbe impedito di escluderli, anche se fossimo stati a conoscenza di loro possibili difficoltà finanziarie. Tutto ciò, inoltre, è avvenuto prima che Atlantia prendesse il controllo di AdR. In ogni caso i lavori del nuovo Molo C non sono per nulla fermi. Speriamo di completarlo e inaugurarlo entro il 2016.

In realtà però, stando a quanto dice Montino, non ci sarebbero investimenti neanche dentro l’aerostazione…

Il sindaco dovrebbe sapere – anche perché gli enti locali nominano allo scopo un consigliere d’amministrazione – che c’è un piano di rifacimento totale del Terminal 3, che inizierà non appena smaltito il traffico estivo.

Ma il piano di potenziamento doveva partire e non è mai partito.

Falso. Nonostante un anno di ritardo nell’approvazione del piano (avvenuta all’inizio del 2013), ADR ha accelerato gli investimenti e recuperato il gap rispetto a quasi tutti gli investimenti previsti: 130 milioni di euro nel 2013, 170 milioni nel 2014, più di 300 milioni (previsione finale) nel 2015. In totale più di 600 milioni di euro di investimenti dal 2013 ad oggi, anche oltre le previsioni iniziali del contratto di programma nei primi tre anni, seppur con contenuti rivisti a seguito della richiesta delle compagnie aeree di limitare investimenti e tariffe in un periodo (2013) in cui il traffico era in sofferenza. In particolare sono stati posticipati alcuni interventi di sviluppo – come ad esempio la monorotaia, che peraltro diverrà imprescindibile solo quando ci sarà il raddoppio Fiumicino Nord, quindi nel prossimo decennio – a favore di interventi di ammodernamento infrastrutturale.

Però l’impressione che oggi Fiumicino sia affogato di parcheggi e negozi esiste. Non trova?

In realtà l’aeroporto è affogato di passeggeri. Roma – nonostante i noti e crescenti “problemi di sistema” – è una destinazione molto ambita e oggi stiamo gestendo volumi di traffico impensabili solo qualche anno fa. Ma la capacità e l’assetto degli aeroporti non si costruisce dalla sera alla mattina. Richiede pianificazione. Ci dovevano pensare per prime la “politica” e le amministrazioni, un decennio fa, e non è stato fatto.

Torniamo alle accuse di Montino. Parla di carenze gravi nella manutenzione straordinaria citando l’esempio di una scala mobile andata a fuoco tre anni fa e mai riparata.

Montino cita un episodio, relativo a tre anni fa circa, di una scala mobile incendiata. Ma era di proprietà di Fs.

Il sindaco parla comunque di carenze gravi anche nella gestione del territorio. Nel comune di Fiumicino non ci sono né vigili del fuoco né Forestale. Si sbaglia anche su questo?

Su questo non ha torto e trova il nostro pieno supporto. Pensi che per domare l’incendio della pineta sono dovuti intervenire anche i Vigili del Fuoco operanti all’interno dell’aeroporto. Costringendo l’Enav a chiudere le piste.

E quindi come se ne viene fuori?

Roma è una destinazione globale in forte crescita, con un notevole e sempre maggiore appeal. Si sono persi, fino al 2013, almeno 15 anni di programmazione dello sviluppo. Ora ci sono le risorse ed è in atto un piano di sviluppo che in quattro anni – con la costruzione di due nuovi moli – colmerà il gap accumulato in 15 anni. Ma non basta. Bisogna subito iniziare a lavorare per la crescita futura, proprio per non ripetere gli errori del passato. Perché non ci possiamo più permettere l’errore di vivere e di pensare, come sistema, ad un orizzonte breve: in tutto il mondo i piani di sviluppo aeroportuali sono almeno ventennali, incluse le infrastrutture di collegamento. Ed è un lavoro che dobbiamo fare insieme. Incluso il sindaco di Fiumicino. Quindi direi: basta con inutili polemiche e fughe di responsabilità. Piuttosto diamoci da fare tutti con passione e impegno.

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.