4 dicembre 2016

Scompare la generazione dei “nativi cartacei”

I testimoni del mondo senza internet stanno scomparendo. Quale eredità lasciano?

La necessità di definire le epoche storiche ha causato la nascita dei termini “nativo digitale”, per individuare la generazione nata con la disponibilità di massa dei sistemi digitali, indicativamente dal 1985 in poi, e “immigrato digitale”, per indicare chi ne ha acquisito le capacità di uso.

Il 1985 è un punto di non ritorno: nel futuro ci saranno solo “nativi digitali” e le generazioni precedenti, quelle non digitali, non informatizzate, “nativi cartacei”, scompariranno naturalmente con tutto il loro mondo. Quante volte nella Storia è successo di assistere a un fatto simile? Forse è successo solo per la scrittura, la stampa e la corrente elettrica.

Questo evento storico ha suscitato molte riflessioni sui cambiamenti nella società e Michael Harris, autore di The End of Absence: Reclaiming What We’ve Lost in a World of Constant Connection (la fine dell’assenza: recuperare quello che abbiamo perso in un mondo in connessione costante) si pone una domanda nuova ripresa dal blog QUARTZ: “noi ultimi testimoni di una razza morente dobbiamo lasciare una eredità e raccontare come si viveva prima di internet?”. Ammettendone la necessità, useremo i media digitali per lasciare la testimonianza di un mondo cartaceo? Questa testimonianza è già presente nei social media dove, a intervalli regolari, si diffondo i post “noi che ….” o “se sei nato negli anni …”. È questa la preziosa eredità da salvaguardare dall’oblio del tempo? Giocare nei prati, bere dal tubo, mangiare dagli alberi… però bisognerebbe ricordarsi che non esistevano anti-­‐staminici, ecografie, TAC e risonanze magnetiche e i dottori rispetto ad oggi erano gli “stregoni” del villaggio. Gli anni giovanili, vissuti senza piena coscienza del mondo circostante e dediti alla scoperta e alla gioia, ci appaiono generalmente migliori senza reali basi oggettive.

È anche un cedere al bisogno ancestrale di lasciare un’impronta, un segno del proprio passaggio in questo mondo reputando di essere stati protagonisti o di aver almeno contribuito a qualcosa degno di essere ricordato. La necessità di definire i “contesti storici” ha racchiuso in un frame, in una cornice invalicabile, i millenni di storia analogica. La Storia, in realtà, non è così netta e non ignora il passato nell’apertura al futuro, non è un circolo ripetitivo né una “macchina a stati finiti” ma una linea di progressivo sviluppo continuo dove i cambiamenti avvengono per gradi. Per questo motivo abbiamo “nativi digitali” restii all’uso dei new media e “nativi cartacei” esperti di social media perché niente è così statico o comprimibile in un’etichetta. Il problema non è più se siamo nativi digitali o cartacei ma se siamo capaci di portare nel nuovo il buono che c’era nel vecchio.

Vivere il proprio tempo sapendone cogliere i benefici e identificandone le brutture, essere “nativi” senza nostalgie del passato o pericolose fughe nel futuro.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.