Roma – Atac, M5S: “Bigliettai solo su 15 linee, operazione spot che serve poco all’azienda”

Forse il Senatore-Assessore Esposito conosce poco la città di Roma. Pensare infatti di recuperare l’immensa evasione tariffaria che colpisce da decenni Atac semplicemente portando i bigliettai su 15 linee di autobus è un’operazione “spot” che ha poco senso. Sono più di 300 le linee esercitate da Atac e oltre 1500 gli autobus che escono (o dovrebbero uscire) ogni giorno.

L’unica soluzione (come avviene in tutto il mondo) è consentire la salita sul bus esclusivamente dalla porta anteriore con il biglietto o l’abbonamento da passare obbligatoriamente sul lettore, senza il quale l’autobus non parte, saranno a questo punto gli stessi cittadini ad invitare i “furbetti” a lasciare il bus per permettere a chi paga di raggiungere il posto di lavoro o di studio. Ovviamente gli autisti vanno messi nelle condizioni di farlo: cabine di guida protette, telecamere e corsie preferenziali per rendere più veloce il passaggio dei bus e quindi minore l’attesa alle fermate e la fila per salire.

E ancora una campagna informativa a tappeto per far conoscere ai romani la nuova modalità e i benefici per tutti che può apportare. Purtroppo invece questa amministrazione non perde occasione per dimostrare la scarsa conoscenza della città ed il distacco dalle problematiche dei cittadini.

Lo dichiara in una nota Enrico Stefàno – Portavoce Assemblea Capitolina

Informazioni su Giovanni Soldato 2994 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.