4 dicembre 2016

Maltempo a Firenze, il Cnr: “Effetto dei cambiamenti climatici”

“Anche il violento temporale avvenuto il primo agosto a Firenze si inserisce nel quadro dei cambiamenti climatici: la sua particolare intensità, infatti, è diretta conseguenza del luglio appena passato, fra i più caldi di sempre come durata, a confermare la ‘candidatura’ del 2015 come anno più caldo degli ultimi 150. Non a caso, negli ultimi 15 anni fenomeni come questi si sono triplicati e la loro forza è aumentata dal 30 al 40%“. Lo dice Bernardo Gozzini, ricercatore dell’Istituto di Biometeorologia del Cnr (Ibimet-Cnr) e direttore del Laboratorio di monitoraggio e modellistica ambientale per lo sviluppo sostenibile (Cnr-Lamma), consorzio pubblico tra la Regione Toscana e il Consiglio nazionale delle ricerche.
“Nella giornata, una rapida perturbazione in spostamento dalla Francia verso la nostra penisola, caratterizzata da aria relativamente fredda in quota, ha trovato condizioni particolarmente favorevoli produrre fenomeni intensi sul Mediterraneo centrale e sull’Italia, dove da giorni stazionava una massa d’aria calda e umida- spiega Gozzini- l’instabilità maggiore, in Toscana, si è manifestata dopo le 16 e 30 con due sistemi temporaleschi intensi, il primo in prossimità della costa centrale e il secondo sulle zone interne”. Tali sistemi, “in generale di breve durata ma molto intensi, hanno seguito una traiettoria sudovest-nordest, cioè lungo una linea ideale dalla Costa degli Etruschi alla provincia di Firenze, con una velocità di spostamento della perturbazione elevata, determinata dai venti in quota- spiega il ricercatore Ibimet-Cnr e direttore Cnr-Lamma- le precipitazioni cumulate in alcuni punti sono state attorno a 50 mm in circa un’ora e mezzo, con intensità di precipitazione sino a 20-25 mm in 15 minuti: intensità, pur non inedite per il capoluogo, in grado di mettere in crisi il sistema fognario urbano provocando estesi allagamenti”.

Lo scorso settembre Firenze fu vittima di una violenta bomba d’acqua, qui il video di quel giorno

“I temporali, specie nella zona di Firenze, sono stati caratterizzati anche da grandinate e violente raffiche di vento che hanno causato cadute di alberi e di tegole e l’interruzione della linea ferroviaria- prosegue Bernardo Gozzini, ricercatore Ibimet-Cnr e direttore Cnr-Lamma- solo dopo un’attenta analisi dei danni e delle testimonianze sarà possibile valutare se i venti sono stati causati alle correnti di downdraft del temporale o se si è formata una vera e propria tromba d’aria”. I fenomeni sono stati “comunque molto localizzati e concentrati, i danni più ingenti hanno riguardato un’area ridotta della città con un diametro di circa 1 km e il momento più intenso è durato meno di un’ora- conclude Gozzini- le previsioni meteorologiche a oggi indicano teoricamente la permanenza di condizioni favorevoli allo sviluppo di fenomeni così intensi, ma la difficoltà della localizzazione degli stessi e del livello di intensità, soprattutto a livello locale, rimane sempre elevata”.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.