7 dicembre 2016

E’ stato bello Max, grazie!

La prima domenica di agosto quest’anno per molti appassionati ha significato soprattutto svegliarsi presto la mattina, per godersi lo spettacolo della Sbk. Il decimo round mondiale delle derivate di serie, infatti, ha avuto come arena il tracciato di Sepang, dove l’italiano Max Biaggi è sceso in pista per la seconda volta in questa stagione.

Sin dalle prime danze il romano si è mostrato veloce e competitivo. Nella Superpole un T4 da paura regala al “ragazzotto” di 44 anni la quarta piazza della griglia di partenza. Con queste premesse è stato semplice superare le fatiche frutto della combinazione tra tardi orario di un infernale sabato agostano ed il fastidioso trillo della sveglia troppo mattiniera.

Pronti-via e Tom Sykes imprime alla corsa un ritmo pazzesco, mezzo secondo più rapido degli inseguitori. Biaggi a meno quattordici tornate è sesto. Quando mancano nove giri dalla bandiera a scacchi, iniziano i colpi di scena che hanno trasformato una gara insipida in una gustosa: dopo una piccola bagarre con Leon Haslam, Max è quinto. Nel frattempo il duo Chaz Davies-Jonathan Rea mentre è in lotta per la seconda piazza ricuce lo strappo sul capofila, che accusa oltremodo l’usura degli pneumatici.

A 4 giri da completare inizia l’arrembiaggi che porta l’Aprilia numero 3 a superare la Kawasaki numero 66 proprio nell’ultima tornata. Rea vince su Davies e Max firma, così, l’ultimo gradino del podio.

10411117_10205713571331779_8234067028796123904_nL’ansia per la seconda manche cresce e raggiunge picchi elevati perché si respira aria di grande impresa. Allo spegnimento del semaforo Biaggi è una scheggia ed è primo alla prima staccata, poi…..il motociclismo è una parodia della vita e dietro le gioie i dolori sono in agguato per fare capolino. Max ritorna al box dopo aver rialzato la sua belva ferita nelle carene, proprio come lui nella spalla sinistra e nella tibia destra (per lui il dolore non è stato un freno ma uno stimolo a fare meglio). Chaz Davies è il trionfatore ma a rimanere impresso nel mio cuore è l’ennesimo gesto di un eroe.

Max ha fatto capire che per realizzare i propri sogni, anche quelli che ci portiamo indietro da fanciulli, l’età anagrafica conta poco. Contano lo spirito con il quale si affronta le sfide, il duro lavoro quotidiano, la voglia di mettersi sempre in discussione. Certo conta tanto, tantissimo, anche il talento; quest’ultimo, però, da solo non basta. Biaggi a Sepang è stato l’apoteosi di questi fattori ed è un motivo d’orgoglio per tutti noi italiani.

Ho trovato fuori luogo chi ha estrapolato ad arte una frase di Jordi Torres per creare una sterile polemica: ha bisogno di questi mezzucci per mandare avanti la baracca oppure c’è dell’altro?

La carriera di Biaggi mi ha regalato sorrisi, pianti, soddisfazioni, amarezze e rivincite. Oggi vederlo di nuovo in bagarre è stato emozionante e i sentimenti che ho provato sono stati impermeabili all’inesorabile scorrere del tempo.

Ho rivissuto nelle tornate in cui è stato protagonista tutta la sua carriera di pilota e la mia di tifoso. Mentre dipingeva le curve con il suo inconfondibile stile, nella mia mente sono apparse le scene del cammino di un ragazzino della periferia di Napoli che è diventato uomo e che ha avuto la forza e la fortuna di realizzare i suoi sogni.

Non nascondo che mi sono stati d’aiuto nella mia crescita i suoi insegnamenti, uno su tutti: mai mollare! Ecco Biaggi non ha mollato, ci ha creduto ed è stato premiato.
E’ stato bello Max, grazie!

(Fonte foto: worldsbk.com)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5980 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.