3 dicembre 2016

Bagnoli, irresponsabile pensare di escludere il comune

Un anno fa, Renzi venne a Napoli e promise soluzioni definitive quanto rapide per Bagnoli, in una vista all’ex acciaieria che a molti sembrò un ben studiato set fotografico. Dopo dodici mesi nulla è stato fatto e l’unica scelta sulla quale il Governo sembra avere le idee chiare è un ennesimo commissariamento e l’estromissione decisionale e operativa del Comune di Napoli. Una decisione irresponsabile che mostra la scarsa considerazione del premier Renzi verso la nostra città’ e la mancanza di rispetto e coscienza istituzionale

Ancora una volta interessi politici prevalgono su quello che dovrebbe essere l’unico obiettivo comune del Governo e di quanti hanno a cuore lo sviluppo di Napoli: restituire Bagnoli alla città e creare in quell’area delle reali occasioni di crescita economica e sociale. Il premier, invece, pensa con l’ennesimo commissariamento di espropriare la città di un proprio patrimonio e, stando a quanto si apprende dai giornali, indicando come responsabile un dirigente ministeriale siciliano che si è sempre occupato di cultura. E poi, come avviene oggi su diversi giornali, accusa i sindaci del Sud di piangersi addosso.

Napoli e il Mezzogiorno hanno bisogno di una strategia di sviluppo, di progetti e risorse finalmente adeguate e non certo di ambizioni predatorie del Governo nazionale. Come hanno mostrato con assoluta crudezza i dati dello Svimez i problemi delle nostre citta’ sono gravi e richiederebbero dal premier Renzi soluzioni credibili e una maggiore serietà

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.