6 dicembre 2016

Ardea – Approvati in consiglio, canoni non ricognitori, riaccertamento residui e aliquote Tari

Canoni non ricognitori

Il Consiglio comunale di Ardea nella seduta di ieri ha approvato l’istituzione dei canoni non ricognitori (con il voto della maggioranza e del consigliere del Pd Giancarlo Rossi). Si tratta di una tassazione a natura patrimoniale il cui fondamento – è scritto nella delibera – nasce dall’esigenza del Comune “di trarre un corrispettivo dall’occupazione e dall’uso esclusivo concessi a terzi”. Si differenzia dalla Tosap perché quest’ultima ha una natura tributaria ed è dovuta al Comune “quando si verificano determinati presupposti che il legislatore rende indicatori, seppur indiretti, di capacità contributiva”. Vengono assoggettate al pagamento dei Canoni (oltre che della Tosap), le concessioni permanenti come gli attraversamenti (sottopassi o sovrappassi) relativi alle erogazioni di servizi pubblici in regime di concessione amministrativa, la pubblicità sulle strade o che hanno una vista sulle strade stesse, gli accessi in genere, gli accessi commerciali che hanno gli impianti di distribuzione dei carburanti. Per occupazioni permanenti si intendono comunque anche: condutture sotterranee per la distribuzione di acqua, gas ed energia elettrica, linee telefoniche sotterranee, condutture per la fognatura e condutture per la depurazione, linee sotterranee per la fibra ottica, linee elettriche e telefoniche, pozzetti, cabine elettriche e telefoniche, camerette di ispezione, botole, tombini, griglie e manufatti sul suolo pubblico, tralicci di elettrodotto, aree per installazioni di stazioni radio base per telefonia mobile o simili. I fattori che determinano il valore da attribuire alle tariffe sono il grado di soggezione della strada, il valore economico della concessione, il vantaggio che l’utente ricava dalla concessione stessa. Il calcolo dell’importo del canone dipende inoltre dall’estensione dell’interferenza e, nel calcolo del cartello pubblicitario, dal fatto che sia su suolo pubblico o privato; dalla tipologia di accesso (se per un’abitazione o per un’attività commerciale, per esempio), o di attraversamento (se sulle pertinenze stradali o per un sottopasso), dal volume di traffico che attraversa la strada dove ricade l’interferenza. Con un emendamento illustrato in aula dal consigliere comunale Massimiliano Giordani a nome della maggioranza si è stabilita l’intenzione dell’aula di portare in commissione una agevolazione per le attività commerciali del territorio. “Non appena avremo i dati dei contributi che forniranno le società di servizi come quelle telefoniche, elettriche e di gestione delle altre condotte, se l’importo della delibera sarà da loro coperto, lavoreremo per evitare il pagamento dei passi carrabili”, ha spiegato Giordani che ha spiegato come sono previste entrate per circa un milione di euro.

Riaccertamento residui

Il Consiglio comunale di Ardea ha approvato il piano per ritornare dal disavanzo straordinario di amministrazione scaturito dopo aver accertato i residui. Di fatto si tratta di 15.376.848,25 euro che saranno ripianati in 30 futuri bilanci pari a 512.561,61 euro ogni anno. L’assemblea ha anche votato una risoluzione, proposta dalla consigliera di opposizione Cristina Capraro (Psi) che chiede di non toccare, nell’ottica delle politiche di riordino del disavanzo, “i servizi sociali e a domanda individuale”. “E’ un atto importante, che la maggioranza è giusto abbia sostenuto – ha spiegato il sindaco di Ardea Luca di Fiori – Abbiamo approvato un documento che non solo fa emergere tutto il debito degli anni pregressi ma che fa un piano pratico per mettere ordine alle casse dell’ente”.

Aliquote Tari 2015

Il Consiglio comunale di Ardea nella seduta di ieri ha approvato una delibera per fissare le aliquote Tari del 2015. Le utenze domestiche hanno ora un’aliquota di 3,12 euro. Tra le imprese, ecco le più rilevanti: campeggi, distributori carburanti (3,45 euro), stabilimenti balneari 2,19 euro; uffici, agenzie e studi professionali 5,96 euro, negozi di abbigliamento e calzature, cartolerie e negozi di ferramenta 5,76 euro; edicole, farmacie, tabaccai, negozi plurilicenze 7,15 euro; botteghe di parrucchiere, barbiere o estetista 5,62 euro; carrozzerie e autofficine 6,38 euro; ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub 16,63 euro; bar, caffè, pasticcerie 12,28 euro; ortofrutta, pescherie, pizzerie al taglio 16,10 euro; impermercati 10,23 euro. Il costo di gestione del ciclo dei rifiuti del 2014 è ammontato a 9.820.342,28 euro. Nel 2015 arriva a 10.453.806,26 euro. Una parte cospicua (4.452.437,17 è relativa alla raccolta dei rifiuti indifferenziati). “Ci sono cittadini che non rispettano le modalità di conferimento della differenziata e paghiamo di più per questi incivili – ha spiegato il sindaco di Ardea Luca Di Fiori – Molti Comuni dell’hinterland hanno avuto un finanziamento per l’avvio della raccolta – Ardea doveva prendere oltre due milioni e 400 mila euro. Guarda caso, quando toccava a noi ricevere quei fondi il plafond economico era finito. Siamo stati i primi ad Ardea a fare il porta a porta su tutto il territorio comunale. Il trend a scendere avverrà quando le persone saranno responsabili. Poi, c’è un altro tema, che ha dell’assurdo. Ed è quello che la Regione Lazio ci impone su richiesta di Pontina Ambiente. L’azienda ha chiesto alla Regione di aumentare il costo del conferimento in discarica, ma non a partire da quest’anno, ma dal 2011. In pratica oggi ci dicono i costi sono cambiati, da qui a quattro anni a ritroso. È cosa folle. Ci opporremo con gli altri Comuni fino all’infinito per questo ingiusto prelievo”.

About Ruggero Terlizzi 2872 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it