4 dicembre 2016

Le radici della crisi ecologica nella «Laudato si’» – Potenti senza potere

In una conversazione avuta con il Papa quando stava iniziando a pensare ai contenuti della nuova enciclica, mi disse che stava analizzando soprattutto la questione del potere, e che per questo stava rileggendo Romano Guardini. Il testo dell’enciclica conferma fino a che punto egli è andato avanti in questa linea di analisi. Credo pertanto che il terzo capitolo, poco menzionato nei commenti all’enciclica, dovrebbe essere tenuto molto più in considerazione.Per discutere dei sintomi non siamo riusciti a capire che cosa il Papa indica realmente, quando vuole andare al nocciolo della questione. Lui stesso ci dà esplicitamente una chiave di lettura quando afferma: «A nulla ci servirà descrivere i sintomi, se non riconosciamo la radice umana della crisi ecologica. Vi è un modo di comprendere la vita e l’azione umana che è deviato e che contraddice la realtà fino al punto di rovinarla» (n. 101). Proprio dopo queste parole egli inizia a sviluppare la sua critica al potere, affermando che i progressi tecnologici «danno a coloro che detengono la conoscenza e soprattutto il potere economico per sfruttarla un dominio impressionante sull’insieme del genere umano e del mondo intero» (n. 104). Perciò ha formulato una domanda che ancora non ha una risposta: «In quali mani sta e in quali può giungere tanto potere? È terribilmente rischioso che esso risieda in una piccola parte dell’umanità» (n. 104).

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.