3 dicembre 2016

Google brevetta l’indice dei nostri ricordi

Registreremo le nostre esperienze, le richiameremo alla memoria e le condivideremo

Estate, tempo di vacanze. Quanti luoghi stupendi o esperienze memorabili abbiamo compiuto e ne è rimasto solo un ricordo parziale e sfocato? Quante volte i nostri racconti non coincidono con quelli di chi le ha vissute con noi? Tutto questo potrebbe finire se fossimo in grado di depositare i nostri ricordi su un hard disk e richiamarli a piacimento. Google, grazie ad un brevetto depositato il 22 luglio (US Patent 9092900), descrive il metodo per realizzare il sogno di una memoria infinita e sempre disponibile.

Il brevetto prevede un sistema di registrazione audio/video portatile (presumibilmente installabile sui Google Glass) in grado di attivarsi su condizione (posizione, ora, comando manuale…) e, collegandosi con un dispositivo mobile prestabilito, trasferire la registrazione verso un server. In seguito è possibile recuperare il video e rivederlo a piacimento. Ovviamente sono disponibili tutti quei metadati cui siamo abituati: geolocalizzazione, date e ora e tags. Il brevetto prevede la possibilità di richiamare i «ricordi» interrogandosi ad esempio su “Quali opere ho visto al Louvre?” o “Chi c’era alla festa ieri?” e condividere i video sui social.

Un vero paradiso per smemorati e distratti ma soprattutto un rimedio per le amnesie traumatiche e i malati di Alzheimer. Siamo sicuri sia sempre bene ricordare tutto e tutti? Orwell potrebbe avere dei dubbi, immaginando una Polizia di Stato che rovista nei nostri ricordi. Che dire poi, dei ricordi dolorosi sempre a portata di clic che mai ci permetterebbero di elaborare una perdita – la fine di un amore o il lutto per un genitore – o di dimenticare e continuare a vivere.

Le aziende sarebbero interessate ad avere visione del tempo utilizzato per lavoro, i dottori a controllare il nostro stile di vita e persino il personal trainer vorrebbe controllare i nostri allenamenti e la nostra dieta. Insomma, una vita registrata sempre sotto i riflettori con la possibilità che qualcuno violi il cloud o peggio che il nostro partner – come prova d’amore – ci chieda l’accesso alla «memoria-­‐ teca». Google ci conosce così bene da sapere cosa vogliamo ricordare o dimenticare?