4 dicembre 2016

Fiumicino – Incendio, il M5S punta il dito sull’amministrazione

Mentre si spengono gli ultimi focolai dell’incendio che ieri ha bruciato una parte della Pineta di Focene si comincia a fare chiarezza sull’accaduto. Purtroppo non è la prima volta che i 60 ettari di pineta di proprieta’ della famiglia Sforza Cesarini vengono aggrediti dalle fiamme, e questa volta sono andati a fuoco circa 10 ettari verso via del Pesce Luna.

Nel suo comunicato stampa di ieri, il sindaco Montino aveva ipotizzato l’origine dolosa del rogo ancora prima che le indagini di Guardia Forestale, VVFF e Carabinieri fossero terminate. Contrariamente a quanto da lui affermato pero’, l’incendio non si è propagato da piu’ punti ma, stando alla relazione della Guardia Forestale depositata alla Procura di Civitavecchia, è partito da un unico focolaio in Via del Pesce Luna, bordo strada, in un’area fortemente degradata e disseminata da numerosi cumuli di rifiuti abbandonati, sia di natura domestica che industriale.

Le fiamme, trasportate dal forte vento, hanno rapidamente percorso prima gli arbusti della macchia mediterranea e la sterpaglia incolta del terreno di proprieta’ comunale limitrofi alla pineta, incendiando in seguito anche i pini secolari. In base agli accertamenti effettuati dalle autorita’ preposte, risulterebbe che l’incendio è stato provocato dai cumuli di rifiuti lasciati a fermentare sotto il sole, e dalla mancata manutenzione sia delle aree comunali che di quelle private.  A tale proposito ricordiamo che il MoVimento5Stelle aveva gia’ presentato diverse Mozioni richiedendo lo sfalcio delle sterpaglie proprio nella localita’ di Focene.

In conclusione, per quanto la minaccia incombente dell’ampliamento dell’aeroporto e della realizzazione di un enorme porto commerciale siano un pericolo concreto, in questo caso le responsabilita’ sono da ricercare piuttosto nell’incuria degli Amministratori Comunali.

Fabiola Velli

Portavoce m5s Fiumicino