10 dicembre 2016

Roma – Camion Bar, al Tar vince il Comune, ambulanti via dal Colosseo

Il Tar respinge la sospensiva chiesta dagli ambulanti contro il provvedimento del Comune di Roma che il 10 luglio ha allontanato camion bar e urtisti dalle aree monumentali del Centro storico, a partire da Colosseo, Fori Imperiali e piazza Venezia. Al momento, dunque, resta valido il provvedimento di Roma Capitale e gli ambulanti non potranno tornare nelle loro postazioni storiche, ma dovranno operare nei nuovi stalli posizionati dall’amministrazione sul lungotevere e nella zona vicino alla Piramide Cestia. Il Tribunale fissa al 22 ottobre 2015 l’udienza pubblica per la trattazione di merito del ricorso.

Nessuna sospensiva contro il provvedimento di trasloco dei camion bar e degli urtisti dalle aree archeologiche centrali di Roma. Questo pomeriggio, infatti, il Tar del Lazio con ordinanza ha respinto le richieste cautelari annesse ai ricorsi proposti dai proprietari contro la delocalizzazione di camion bar e venditori ambulanti dal Tridente. Le cause sono state rinviate alla decisione sul merito, ma il Tar nel rigettare l’istanza di sospensiva si è già espresso favorevolmente sulla legittimità degli atti capitolini, e sull’intervenuto superamento degli effetti della recentissima sentenza della Consulta (n. 140), sulla quale puntavano tutto i ricorrenti. Nello specifico, i giudici amministrativi spiegano che “la recente pronuncia della Corte Costituzionale nr. 140/2015 nella parte in cui ha inciso sui commi 1 bis ed 1 ter dell’art. 52 cit. non ha pregiudicato la possibilità di disporre la delocalizzazione di attività come quella della parte ricorrente, facendo ricorso all’esercizio di potestà discrezionali non imperniate sulle disposizioni colpite dall’incostituzionalità”. In più, il Tar spiega che “dalla sentenza della Corte Costituzionale 140/2015 non discende l’annullamento delle disposizioni di cui ai commi 1 bis ed 1 ter, ma solo l’integrazione della relativa fattispecie normativa con la previsione dell’intesa Stato- Regioni”.

Per questi motivi, i giudici di via Flaminia stabiliscono che “le doglianze della parte ricorrente non si prestano ad essere favorevolmente valutate, quanto meno ad un sommario esame proprio della presente fase cautelare, postulando sostanzialmente la tutela di un interesse oppositivo volto a conservare una posizione di vantaggio costituita sull’area pubblica, che per sua natura non è definitiva e può essere soggetta a revoca per motivi di interesse pubblico, ancorché riservando al merito la verifica della collocazione alternativa”. La questione sarà valutata nel merito il prossimo 22 ottobre 2015. “Esprimo vivo apprezzamento per l’esito del complesso lavoro istruttorio svolto dagli uffici – spiega il sindaco di Roma Ignazio Marino – e mi congratulo con gli assessori Marta Leonori, Maurizio Pucci e con tutti gli altri indispensabili protagonisti dello storico successo: dai dirigenti del Dipartimento Attività Produttive, del Gabinetto, del Municipio Centro Storico per finire con il capo dell’Avvocatura che ha difeso con passione e straordinaria tenacia in giudizio i provvedimenti comunali vanamente contestati”, conclude il sindaco di Roma.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.