11 dicembre 2016

Un’alternativa europea in ogni singolo paese

C’è vita a sinistra. Si tratta di fare i conti con la crisi della politica: non ci serve un partito tradizionale. La sinistra unitaria di cui abbiamo bisogno deve essere costruita dal basso, a “bassa soglia di ingresso”, darsi una nuova classe dirigente.

Con­di­vido molto l’appello di Marco Revelli e Argi­ris Pana­go­pou­los nel mani­fe­sto del 29 luglio nel con­te­sto del dibat­tito sulla sini­stra. Costruire «un sog­getto poli­tico dichia­ra­ta­mente anti­li­be­ri­sta dotato della forza per com­pe­tere per il governo del paese in con­cor­renza con gli altri poli poli­tici» oggi non solo è neces­sa­rio ma possibile.

Rifon­da­zione Comu­ni­sta da tempo avanza que­sta pro­po­sta poli­tica: par­tiamo subito, noi ci siamo.

I punti di rife­ri­mento di que­sto sog­getto mi paiono ben deli­neati da Marco e Argi­ris: l’Unione Euro­pea è una gab­bia d’acciaio neo­li­be­ri­sta, costruita sull’austerità attorno agli inte­ressi domi­nanti tede­schi. Que­sta Europa è stata costruita insieme da popo­lari, libe­rali e socia­li­sti: a tutti costoro, alle loro poli­ti­che, al blocco di potere e di inte­ressi che rap­pre­sen­tano, dob­biamo costruire un’alternativa. Si tratta di un punto fon­da­men­tale in quanto la sini­stra in que­sti ultimi vent’anni si è sem­pre divisa sui rap­porti con il PD e il par­tito socia­li­sta europeo.

Oggi, dopo il ver­go­gnoso com­por­ta­mento dei par­titi socia­li­sti nella vicenda greca, la que­stione mi pare chiara: i “socia­li­sti” e non solo il PD ren­ziano sono parte del pro­blema e non della solu­zione. La sini­stra deve costruire un’alternativa anche alle loro poli­ti­che e non porsi in posi­zione emen­da­tiva, cioè subalterna.

Un’alternativa euro­pea – che non lasci solo il governo greco – ed in ogni sin­golo paese. La vicenda Greca ci parla chia­ra­mente della durezza dello scon­tro. Le classi domi­nanti euro­pee non accet­tano una dia­let­tica demo­cra­tica tra pro­po­ste alter­na­tive: sono por­ta­trici di una ideo­lo­gia ed una pra­tica tota­li­ta­ria che ha messo fuori gioco com­ple­ta­mente ogni ipo­tesi riformista.

Il socia­li­smo euro­peo è fal­lito con l’attiva accet­ta­zione del neo­li­be­ri­smo, così come i par­titi socia­li­sti euro­pei nau­fra­ga­rono cento anni fa di fronte alla prima guerra mon­diale: occorre costruire una alter­na­tiva da sini­stra a que­sto fal­li­mento e al nazio­na­li­smo raz­zi­sta che esso alimenta.

Per que­sto serve una sini­stra anti­li­be­ri­sta di governo – ita­liana ed euro­pea — che sap­pia avan­zare pro­po­ste con­crete su cui otte­nere il con­senso popo­lare, rove­sciando l’impostazione dell’Unione Euro­pea che favo­ri­sce il capi­tale distrug­gendo diritti e democrazia.

Den­tro que­sta crisi del capi­ta­li­smo, occorre uscire dal para­digma della scar­sità, impo­sto attra­verso l’austerità, al fine di aumen­tare pro­fitti e guerre tra i poveri. Tema­tiz­zare la redi­stri­bu­zione della ric­chezza, del lavoro, del potere. Pra­ti­care la ricon­ver­sione ambien­tale e sociale dell’economia, aprendo un per­corso di coo­pe­ra­zione medi­ter­ra­nea. Serve un nuovo pro­getto euro­peo che sap­pia scon­fig­gere l’incubo che è diven­tata l’Unione Europea.

Su que­sto pro­getto lavo­rano da tempo il Gruppo Uni­ta­rio della Sini­stra nel Par­la­mento Euro­peo e il Par­tito della Sini­stra Euro­pea: credo sia neces­sa­rio raf­for­zare que­ste espe­rienze per dare corpo alla nostra pro­spet­tiva in Ita­lia. Se il governo greco ha dovuto subire il dik­tat della UE, que­sto è dovuto alla nostra debo­lezza, alla debo­lezza della sini­stra in Europa. Dob­biamo col­mare que­sto gap e paral­le­la­mente costruire un pro­getto sul piano nazio­nale per il diritto al lavoro, i diritti sociali e civili, la democrazia.

Oggi la forza di Renzi non sta nel con­senso di cui godono le sue pro­po­ste e nem­meno nell’assenza di sin­gole pro­po­ste alter­na­tive. La sua forza sta nell’assenza di una forza di sini­stra, civile e cre­di­bile, in grado di pro­porre un cam­bia­mento com­ples­sivo e di agire la spe­ranza nel vivo del con­flitto sociale.

Per que­sto serve un sog­getto uni­ta­rio della sini­stra: non due o tre in con­cor­renza elet­to­rale tra di loro.

L’unità è la con­di­zione per dar vita ad un pro­cesso aperto, demo­cra­tico, par­te­ci­pato che sia rivolto a tutti e tutte coloro che vogliono costruire una alter­na­tiva al PD e al resto del qua­dro politico.

Non si tratta solo di met­tere insieme i par­titi. Si tratta di costruire uno spa­zio poli­tico ove gli uomini e le donne, i com­pa­gni e le com­pa­gne che ope­rano a sini­stra, nei sin­da­cati, nelle asso­cia­zioni, nei movi­menti, nei comi­tati, pos­sano rico­no­scersi e rico­min­ciare a “fare politica”.

Si tratta di fare i conti con la crisi della poli­tica: non ci serve un par­tito tra­di­zio­nale. La sini­stra uni­ta­ria di cui abbiamo biso­gno deve essere costruita dal basso, a “bassa soglia di ingresso”, darsi una nuova classe dirigente.

Un sog­getto poli­tico che a par­tire da un pro­getto poli­tico chiaro e con­di­viso sia in grado di essere il punto di rife­ri­mento per tutti e tutte coloro che sono impe­gnati nella tra­sfor­ma­zione sociale, valo­riz­zando le diverse forme di mili­tanza, le diverse idee, i diversi per­corsi, scon­fig­gendo il set­ta­ri­smo che non rico­no­sce l’altro impe­dendo il dia­logo e la costru­zione di un comune pro­getto politico.

Per que­sto serve un grande pro­cesso demo­cra­tico e di par­te­ci­pa­zione — una testa un voto – evi­tando i limiti di pre­ce­denti espe­rienze basate su una logica pat­ti­zia di vertice.

Indi­vi­duiamo subito un per­corso pos­si­bile di assem­blee ter­ri­to­riali che pre­pari un primo momento nazio­nale in autunno. Defi­niamo una carta di intenti e alcune sem­plici regole che per met­tano di orga­niz­zare un per­corso demo­cra­tico per comin­ciare a discu­tere. Noi comu­ni­sti e comu­ni­ste di Rifon­da­zione rite­niamo que­sto per­corso neces­sa­rio. Vedia­moci subito!
di Paolo Ferrero – ilmanifesto.info –

* L’autore è segre­ta­rio di Rifon­da­zione Comu­ni­sta — Sini­stra europea

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.