9 dicembre 2016

Anagni – Completato il monitoraggio di tre rotatorie

E’ stato completato ad Anagni il montaggio di tre rotatorie in altrettanti punti nevralgici della città. Il progetto attuato dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Fausto Bassetta è stato avviato nel 2005 nell’ambito del piano nazionale per la sicurezza stradale.  Con l’arrivo dei fondi da parte della Regione Lazio – che non possono essere utilizzati per altre opere né destinati ad altri scopi, in quanto finalizzati alla realizzazione di rotatorie, attraversamenti pedonali e sistemazione dei marciapiedi – l’attuale amministrazione ha deciso di dare corso al progetto.

Il progetto originario – visto anche il periodo trascorso dall’approvazione – è stato aggiornato dopo un confronto tra tecnici e amministratori e sviluppatosi nella realizzazione, in via sperimentale e senza ulteriori costi, di tre rotatorie situate in via San Giorgetto, piazza Ruggero Bonghi e viale Regina Margherita.  Quest’ultima, in quanto già esistente, in caso di  approvazione definitiva sarà oggetto di una perizia di variante. Il mantenimento della rotatoria nei pressi del convitto Regina Margherita sarà valutato dopo la riapertura delle scuole per monitorare la situazione al massimo del flusso veicolare e, in caso di esito negativo, sostituita da semplici spartitraffico. Dovrebbe restare come è stata installata, invece, la rotatoria di via San Giorgetto. Le simulazioni in corso, al momento, non hanno registrato particolari disagi.

Ovviamente, anche i materiali utilizzati sono provvisori. Infine, una precisazione per quanto riguarda le rotatorie necessarie sulla strada Casilina: la competenza non è del Comune che, comunque, ha più volte sollecitato l’ente competente Astral a dare seguito al progetto, esaminato anche dalla Conferenza dei servizi, che però è fermo per mancanza di fondi regionali.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.